L’opinione di Roberto Napoletano. Dilettanti allo sbaraglio e pericolosi

229
Roberto Napoletano Direttore del Quotidiano del Sud e l'Altravoce dell'Italia

Con l’incoscienza di prolungare a voce lo stato di emergenza si comincia a dare un messaggio alla gente che la pandemia non finirà mai. Risultato: consumiamo ancora di meno, quel poco che consumiamo lo facciamo con paura, la saracinesca che pensavamo di riaprire rimane chiusa


AgenPress. L’emergenza assoluta che ha questo Paese è la sua economia. Siamo entrati nel circolo vizioso della decrescita infelice e appena proviamo a rialzare la testa abbiamo sempre qualche “buona notizia” per farci tornare con cervello, cuore e portafoglio nel tunnel. Siamo consapevoli che tutto è possibile con una regia della politica economica a dir poco dilettantesca, ma c’è un limite a tutto.

Quando si arriva all’incoscienza di prolungare a voce lo stato di emergenza pandemica di un Paese fino alla fine dell’anno senza rendersi conto di che cosa significa in termini di aspettative economiche, di consumi e di fiducia un annuncio così anticipato per una decisione di cui non si ha certezza, vuol dire che siamo in quella situazione dilettantesca di estrema pericolosità che non può essere sottaciuta perché si continua a gettare benzina sui mille falò della polveriera sociale italiana.

Per leggere la versione integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

https://www.quotidianodelsud.it/laltravoce-dellitalia/gli-editoriali/2020/07/12/leditoriale-di-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-dilettanti-allo-sbaraglio-e-pericolosi/