Welfare. Capone (UGL): “Necessarie politiche attive del lavoro e Flat tax per rilanciare consumi e occupazione”

569
Il Segretario Generale dell’UGL Paolo Capone

AgenPress. “Per far fronte all’aumento della povertà e del disagio sociale causati dalla pandemia non bastano interventi spot come bonus a pioggia o misure meramente assistenziali. Per rilanciare l’occupazione occorre piuttosto concentrare le risorse su politiche attive che rimettano in moto il mercato del lavoro attraverso incentivi, taglio del cuneo fiscale e ingenti finanziamenti a fondo perduto alle imprese.

Preoccupa in particolare la situazione nel Mezzogiorno in cui alla cronica mancanza di investimenti si somma una pressione fiscale insostenibile, pari al 47,2%, un livello che, secondo il Rapporto dei Conti pubblici territoriali (Cpt), è addirittura superiore di oltre un punto rispetto al 46,7% del Nord.

Auspico che il Governo passi dalle parole ai fatti e avvii una poderosa riduzione delle tasse, in tal senso riteniamo che una misura come la ‘Flat tax’ sia ormai irrinunciabile per dare ossigeno alle imprese e per rilanciare i consumi.”

Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito alle misure necessarie per far fronte alla crisi economico sociale post pandemia.