Roma. Scontri a piazza del Popolo contro il dpcm. Cariche e idranti contro i manifestanti

323

AgenPress – Scontri  a Roma dove in piazza del Popolo era convocata una manifestazione di commercianti e categorie colpite dal recente dpcm. Erano annunciate infiltrazioni di esponenti dell’ultradestra e non sono mancati i disordini. In piazza presenti esponenti di Forza Nuova, tra i quali anche Castellino. La tensione è salita proprio quando quest’ultimo è giunto in piazza, con scontri verbali con i giornalisti presenti.

“Noi come Forza Nuova abbiamo un po’ lanciato questa grande aggregazione popolare che si sta espandendo sul territorio senza divisioni tra nord e sud, destra e sinistra. Siamo quelli che si sono messi in prima fila ma senza alcuna volontà egemonica”, ha detto  Roberto Fiore, leader di Forza Nuova in piazza del Popolo.

“La responsabilità politica di quanto sta accadendo è nostra – continua – pensiamo che Il popolo possa trovare la chiave per liberarsi in un momento in cui tutte le libertà più concrete vengono soppresse”. E sulla violenza che hanno assunto le manifestazioni in tutta Italia dice: “Sono stato a piazza del popolo l’altra sera e ho visto una carica immotivata dopo fuochi d’artificio, una trovata popolare e inattesa alla quale invece la polizia ha risposto facendo vedere le pistole – aggiunge Fiore – Da una parte la gente che manifesta in questo momento sa di dover rischiare qualcosa, dall’altra c’è una forza militare cattiva, che vuole creare l’incidente”.

Decine gli agenti in assetto antisommossa a presidiare la zona: il defender ha azionato gli idranti, che hanno colpito la folla, dopodiché i poliziotti hanno caricato e disperso la piazza.

Si sono registrati violenti scontri, con lanci di bombe carta, petardi e cassonetti in fiamme. Gli agenti di polizia in assetto anti sommossa hanno disperso i manifestanti grazie all’intervento di mezzi forniti di idranti. Gli scontri sono iniziati in Piazza del Popolo, dove si erano radunate le categorie più colpite dalla crisi Covid. Un gruppo di manifestanti incappucciati ha cominciato a lanciare bombe carta, petardi e fumogeni. Tra di loro anche esponenti di Forza Nuova. La polizia ha usato gli idranti e effettuato cariche. I manifestanti hanno indietreggiato verso piazzale Flaminio, dando fuoco ad alcuni cassonetti dei rifiuti e distruggendo monopattini

Dalle 19.20 in piazza del popolo una cinquantina di facinorosi stanno dando vita a scena di autentica guerriglia con lanci di bottiglie e monopattini. Decine i petardi esplosi, con la polizia costretta a schierare gli idranti e a cacciare dalla piazza i violenti. Due fazioni, una contro l’altra: petardi e bottiglie contro la polizia che ha risposto avanzando fino a piazzale Flaminio.

I manifestanti si sono poi posizionati su ponte regina Margherita, hanno ripreso il lancio di petardi e bottiglie. La polizia li ha inseguiti, con l’idrante ad aprire la strada, fino a piazza della Libertà verso via Cola di Rienzo (in Prati), tra bottiglie, bombe carte e razzi. Il tutto in mezzo alle auto bloccate nel traffico con gli automobilisti increduli ad assistere ad una guerriglia senza precedenti in città.

Un manifestante è stato portato dagli agenti nel Commissariato Prati Il Reparto Mobile in servizio presidia ponte Regina Margherita al momento chiuso per scongiurare una nuova guerriglia. Una vera e propria caccia all’uomo è in corso nel quartiere Prati, con un elicottero che sta sorvolando la zona.