Egitto. Arrestati 3 dipendenti ong diritti umani per cui lavorava Patrick Zaki

401
Gasser Abdel Razek direttore ong

AgenPress –  L’Egitto ha arrestato tre dipendenti di un importante gruppo nazionale per i diritti umani, l’ Egyptian Initiative for Personal Rights (EIPR), ong per cui lavorava Patrick Zaki.

La repressione è arrivata dopo che il personale dell’EIPR ha incontrato gli ambasciatori occidentali al Cairo, ha detto mercoledì il gruppo per i diritti.
L’EIPR ha pubblicato su Twitter le immagini del suo incontro con gli ambasciatori tedesco, francese, italiano, spagnolo, danese, belga, olandese, finlandese e svizzero. L’incontro comprendeva anche diplomatici britannici e canadesi e si è concentrato su “questioni relative ai diritti umani e metodi per sostenere il rafforzamento dei diritti umani in Egitto e nel mondo”, ha affermato l’EIPR che sostiene i diritti personali e religiosi, contro la pena di morte e pubblica indagini sulle violazioni nelle carceri e sugli abusi dei diritti umani in generale.
Queste posizioni lo rendono vulnerabile in Egitto, dove negli ultimi anni il governo ha imprigionato e limitato i viaggi di migliaia di dissidenti, attivisti politici, giornalisti, manifestanti e difensori dei diritti umani.
L’Egitto ha anche rafforzato le leggi già restrittive che regolano il lavoro delle ONG e dei media.
Giovedì, le forze di sicurezza egiziane hanno arrestato il direttore esecutivo del gruppo Gasser Abdel-Razek dalla sua casa a Maadi, un sobborgo del Cairo.
EIPR ha detto in un tweet giovedì che le forze avevano portato Abdel-Razek in un luogo sconosciuto.
Karim Ennarah, il capo del dipartimento di giustizia penale del gruppo, è stato arrestato mercoledì mentre trascorreva le vacanze a Dahab, una città costiera nel sud del Sinai, ha detto il gruppo. Non si sa dove si trovi e le accuse che deve affrontare.
Anche il direttore amministrativo dell’organizzazione, Mohamed Basheer, è stato arrestato domenica da casa sua e interrogato dalle agenzie di sicurezza dello Stato.
Ieri, subito dopo il fermo di Razek, l’ambasciatore d’Italia al Cairo, Giampaolo Cantini, insieme a numerosi capi missioni di altri Paesi non solo europei, aveva inviato una lettera al ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry per richiedere il rilascio dei dirigenti.
Gli arresti “servono un duro colpo contro il lavoro legittimo dei difensori dei diritti umani”, ha affermato Amnesty International in un comunicato, aggiungendo che le accuse contro Basheer erano “false accuse di terrorismo”.
Anche il ministero degli Esteri francese ha espresso la sua profonda preoccupazione per l’arresto di Basheer e ha affermato che la Francia intende continuare il suo “dialogo franco ed esigente con l’Egitto sulle questioni dei diritti umani”.
Il ministero degli esteri egiziano ha respinto la dichiarazione francese come interferenza negli affari interni e ha affermato che si trattava di “un tentativo di influenzare le indagini” in un caso in corso.