Dati Covid in tempo Reale

All countries
263,842,241
Confermati
Updated on 2 December 2021 09:07
All countries
236,416,099
Ricoverati
Updated on 2 December 2021 09:07
All countries
5,244,383
Morti
Updated on 2 December 2021 09:07

Afghanistan. Dopo un mese di discussioni riaprono le scuole femminili per le classi 7-12 a Herat

- Advertisement -

AgenPress – Dopo quasi tre mesi, le scuole femminili hanno riaperto per tutte le studentesse nella provincia occidentale di Herat, secondo un consiglio eletto di insegnanti di Herat.

Negli ultimi mesi erano ammesse solo ragazze fino al sesto anno; ora le ragazze e le giovani donne nelle classi 7-12 possono frequentare la scuola a Herat.

- Advertisement -

Secondo il consiglio, la decisione è stata presa dopo un mese di discussioni tra il consiglio ei funzionari delle scuole femminili con i funzionari locali dell’Emirato islamico a Herat.

Il consiglio ha affermato che questa decisione consente a oltre 300.000 ragazze in più di continuare gli studi.

“In precedenza, le studentesse dalla prima alla sesta classe andavano a scuola. Adesso vanno a scuola anche le ragazze dalla classe 7 alla 12. Prima di questa decisione, da 250.000 a 300.000 ragazze sono state private dell’istruzione”, ha affermato Mohammad Sabir, capo del consiglio.

- Advertisement -

Nel frattempo, le ragazze si sono dette felici per la ripresa della loro istruzione.

“Durante il periodo in cui le scuole erano chiuse e non potevamo frequentare le nostre lezioni, siamo rimasti molto delusi. Con l’apertura delle scuole, abbiamo trovato una nuova speranza”, ha detto Maisara Wafa, una studentessa di 11 anni.

“Siamo felici che le scuole siano riaperte e possiamo continuare con la nostra istruzione”, ha detto Sanaz Haidari, un altro studente di Grade 11.

Sebbene studenti e insegnanti siano contenti della ripresa delle attività delle scuole, gli insegnanti hanno affermato di non ricevere gli stipendi da più di quattro mesi e sono alle prese con gravi problemi economici.

“Ci aspettiamo che le scuole femminili non vengano chiuse ancora una volta e che non vengano imposte restrizioni al nostro insegnamento”, ha affermato Suhaila Sharifi, un’insegnante.

“Lo stipendio è l’unico reddito che hanno gli insegnanti, e non siamo stati pagati per alcuni mesi. Se gli insegnanti sono pagati, possono insegnare meglio”, ha detto Zarghona Rasuli, un insegnante.

Sulla base dei numeri del dipartimento dell’istruzione di Herat, oltre un milione di studenti va a scuola e oltre la metà sono ragazze.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati