Dati Covid in tempo Reale

All countries
264,173,986
Confermati
Updated on 2 December 2021 20:08
All countries
236,575,829
Ricoverati
Updated on 2 December 2021 20:08
All countries
5,247,039
Morti
Updated on 2 December 2021 20:08

Afghanistan. Scomparso il neonato affidato ad un soldato americano durante l’evacuazione a Kabul

- Advertisement -

AgenPressMirza Ali Ahmadi e sua moglie Suraya si sono trovati con i loro cinque figli il 19 agosto in mezzo ad folla caotica fuori dai cancelli dell’aeroporto di Kabul in Afghanistan quando un soldato americano, da oltre l’alta recinzione, ha chiesto se avevano bisogno di aiuto.

Temendo che il loro bambino di due mesi Sohail venisse schiacciato nella mischia, lo consegnarono al soldato, pensando che sarebbero presto arrivati ​​all’ingresso, che distava solo circa 16 piedi (5 metri).

- Advertisement -

Ma in quel momento, ha detto Mirza Ali, i talebani – che avevano rapidamente conquistato il paese mentre le truppe statunitensi si ritiravano – hanno iniziato a respingere centinaia di sfollati speranzosi. Il resto della famiglia ha impiegato più di mezz’ora per raggiungere l’altro lato della recinzione dell’aeroporto.

Una volta dentro, Sohail non si è più trovato.  Mirza Ali, che ha affermato di aver lavorato come guardia di sicurezza presso l’ambasciata degli Stati Uniti per 10 anni, ha iniziato a chiedere disperatamente a tutti i funzionari che incontrava dove si trovasse il suo bambino. Ha detto che un comandante militare gli ha detto che l’aeroporto era troppo pericoloso per un bambino e che avrebbe potuto essere portato in un’area speciale per i bambini. Ma quando sono arrivati ​​lì era vuoto.

“Ha camminato con me in tutto l’aeroporto per cercare ovunque”, ha detto Mirza Ali in un’intervista tramite un traduttore. Ha detto di non aver mai avuto il nome del comandante, poiché non parlava inglese e faceva affidamento sui colleghi afgani dell’ambasciata per aiutare a comunicare. Passarono tre giorni.

- Advertisement -

“Ho parlato con forse più di 20 persone”, ha detto. “Ogni ufficiale – militare o civile – in cui mi sono imbattuto chiedevo del mio bambino”.

Ha detto che uno dei funzionari civili con cui ha parlato gli ha detto che Sohail potrebbe essere stato evacuato da solo. “Hanno detto ‘non abbiamo risorse per tenere il bambino qui'”.

Mirza Ali, 35 anni, Suraya, 32, e gli altri loro figli, 17, 9, 6 e 3 anni, sono stati imbarcati su un volo di evacuazione in Qatar e poi in Germania e alla fine sono atterrati negli Stati Uniti. La famiglia è ora a Fort Bliss in Texas con altri rifugiati afgani in attesa di essere reinsediati da qualche parte negli Stati Uniti. Non hanno parenti qui.

Mirza Ali ha detto di aver visto altre famiglie consegnare i loro bambini oltre la recinzione dell’aeroporto di Kabul ai soldati allo stesso tempo. Un video clip di un bambino piccolo in un pannolino che viene sollevato dal suo braccio sopra il filo spinato è diventato virale sui social media. In seguito è stata riunita con i suoi genitori.

Da quando il suo bambino è scomparso le date sono confuse, ha detto Mirza Ali. Ogni persona che incontra – operatori umanitari, funzionari statunitensi – racconta loro di Sohail.

“Tutti promettono che faranno del loro meglio, ma sono solo promesse”. 

Un gruppo di supporto per i rifugiati afghani ha creato un cartello “Missing Baby” con la foto di Sohail e lo sta facendo circolare tra le loro reti nella speranza che qualcuno lo riconosca.

Un funzionario del governo degli Stati Uniti che ha familiarità con la situazione ha affermato che il caso è stato segnalato a tutte le agenzie coinvolte, comprese le basi statunitensi e le località estere. Il bambino è stato visto l’ultima volta consegnare a un soldato americano durante il caos all’aeroporto di Kabul, ma “purtroppo nessuno riesce a trovare il bambino”, ha detto il funzionario.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati