Dati Covid in tempo Reale

All countries
158,954,425
Confermati
Updated on 10 May 2021 01:25
All countries
137,380,659
Ricoverati
Updated on 10 May 2021 01:25
All countries
3,306,240
Morti
Updated on 10 May 2021 01:25
spot_img

Antonella Cortese (Criminologa): Bergamo, femminicidio e violenza sulle donne non sono più tollerabili

Agenpress. Uccide la compagna e scappa. E’ ancora ricercato l’uomo che intorno alle due di questa notte a Cologno al Serio (Bergamo), ha ucciso la compagna di origine moldava di 36 anni con due coltellate al petto.

L’aggressore, italiano di 47 anni, e’ fuggito in auto facendo perdere le tracce ed e’ tutt’ora ricercato dai carabinieri. La donna, secondo quanto potuto ricostruire dai carabinieri, da qualche giorno si era trasferita dalla sorella insieme alle tre figlie. L’uomo l’avrebbe aggredita mentre stava rincasando al termine del turno di lavoro in un ristorante: l’ha aspettata nel cortile, si e’ nascosto dietro il portone e le ha inferto due coltellate.

Il 47enne e’ quindi fuggito facendo perdere ogni traccia. La donna e’ morta pochi minuti dopo mentre l’aggressore e’ ancora ricercato. Femminicidio e violenza sulle donne non sono piu’ tollerabili e vanno azzerati.

Il governo si e’ impegnato e continua ad impegnarsi per far si’ che la violenza di genere non faccia piu’ parte della cronaca quotidiana e della nostra realta’ e che vengano puniti coloro che commettono ancora questi atti. L’aspetto preventivo e’ fondamentale per ridurre episodi del genere.

Abbiamo il dovere di contribuire a rimuovere tutti quegli ostacoli, culturali, sociali, economici e giuridici, che impediscono alla donna vittima di violenza di vedere riconosciuto il diritto alla ricostruzione di una vita vera e dignitosa. La concezione di donna oggetto è una devianza mentale che riguarda molti uomini, indipendentemente dal grado di cultura o dalla posizione sociale.

Questo ci fa capire quanto il lavoro della nostra associazione, l’Accademia italiana delle scienze di polizia investigativa e scientifica, e di tutti coloro che si occupano della difesa delle donne sia indispensabile per sradicare questi principi malati e ricominciare a costruire una società sana, basata sul rispetto dell’altro.

Così Antonella Cortese vicepresidente Aispis.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati