Dati Covid in tempo Reale

All countries
244,061,289
Confermati
Updated on 23 October 2021 21:35
All countries
219,406,865
Ricoverati
Updated on 23 October 2021 21:35
All countries
4,958,347
Morti
Updated on 23 October 2021 21:35

Bangladesh. Bruciarono viva una studentessa. 16 persone condannate a morte

- Advertisement -
- Advertisement -

Agenpress – Un tribunale del Bangladesh ha condannato a morte 16 persone per l’omicidio, il sei aprile scorso, di una studentessa 19enne, Nusrat Jahan Rafi, bruciata viva per avere denunciato di aver subito molestie sessuali da parte del preside della sua scuola islamica.

E’ accaduto a Feni, una cittadina a circa 160 km (100 miglia) fuori dalla capitale Dhaka. L’indagine sulla morte di Nusrat ha rivelato una cospirazione per zittirla che includeva i suoi compagni di classe e un certo numero di potenti uomini all’interno della comunità.

Tre insegnanti, tra cui il preside, Siraj Ud Doula, che secondo la polizia hanno ordinato l’omicidio dalla prigione, sono stati giudicati colpevoli dal tribunale giovedì, mentre altri due imputati giudicati colpevoli, Ruhul Amin e Maksud Alam, sono leader locali della sentenza Festa della Awami League.

È stato scoperto che diverse forze di polizia locali hanno collaborato con i condannati a diffondere false informazioni sul fatto che Nusrat si fosse suicidata.

La ragazza  stata attirata sul tetto della sua scuola il 6 aprile di quest’anno, 11 giorni dopo aver denunciato il preside, Siraj Ud Doula, alla polizia per averla ripetutamente toccata in modo inappropriato.

Nusrat fu quindi circondata da quattro o cinque persone che indossavano burqa, spingendola a ritirare la sua denuncia.

Quando ha rifiutata, l’hanno incendiata. Secondo la polizia, avevano sperato di farlo sembrare un suicidio. Invece, è riuscita a fuggire e ottenere aiuto.

Ma sapendo di essere stata gravemente ferita, ha rilasciato una dichiarazione che suo fratello ha filmato sul suo telefono.

“L’insegnante mi ha toccato, combatterò questo crimine fino al mio ultimo respiro”, dice, nominando alcuni dei suoi aggressori.

Nusrat, che aveva subito ustioni all’80% del suo corpo, morì quattro giorni dopo, il 10 aprile.

Si ritiene che le molestie sessuali siano relativamente comuni in Bangladesh: un recente rapporto di beneficenza ActionAid all’inizio di quest’anno ha scoperto che l’80% delle donne che lavorano nel settore dell’abbigliamento in Bangladesh ha visto o subito violenza sessuale sul lavoro.

Ma parlare come Nusrat è ancora insolito in quanto la segnalazione di molestie sessuali può avere conseguenze. Le vittime spesso affrontano il giudizio delle loro comunità, molestie, di persona e online, e in alcuni casi attacchi violenti.

La polizia ha filmato la sua dichiarazione su un telefono cellulare, che è stato poi diffuso ai media.

Nel frattempo, i manifestanti sono scesi in strada per chiedere il rilascio del preside, portando la sua famiglia – che era favorevole al suo tentativo di ottenere giustizia – a temere per la sua incolumità.

Il caso ha scatenato proteste di massa in Bangladesh e acceso i riflettori sulla vulnerabilità delle vittime di aggressioni e molestie sessuali nel paese.

Il primo ministro del Bangladesh, lo sceicco Hasina, ha dichiarato pubblicamente che “nessuno dei colpevoli sarà risparmiato dall’azione legale”.

La polizia, che aveva inizialmente respinto le molestie sessuali, ha presentato accuse contro 16 accusati a maggio. I pubblici ministeri chiedevano la pena di morte.

Altre News

Articoli Correlati