Dati Covid in tempo Reale

All countries
179,840,379
Confermati
Updated on 22 June 2021 22:28
All countries
162,871,692
Ricoverati
Updated on 22 June 2021 22:28
All countries
3,895,109
Morti
Updated on 22 June 2021 22:28

Brexit. Gb, a gennaio crolla l’export verso l’Europa, -68%

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress –  Il volume delle esportazioni verso l’UE attraverso i porti britannici è diminuito di un incredibile 68% il mese scorso rispetto a gennaio dello scorso anno, principalmente a causa dei problemi causati dalla Brexit , rileva l’ Observer .

Il drammatico calo del volume di traffico trasportato sui traghetti e attraverso il tunnel sotto la Manica è stato segnalato al ministro del Gabinetto Michael Gove dalla Road Haulage Association dopo un sondaggio dei suoi membri internazionali. In una lettera a Gove datata 1 febbraio, l’amministratore delegato della RHA, Richard Burnett, ha anche detto al ministro che lui ei suoi funzionari avevano ripetutamente avvertito per diversi mesi di problemi e chiesto misure per ridurre le difficoltà, ma erano stati in gran parte ignorati.

In particolare, durante lo scorso anno aveva chiarito che c’era un urgente bisogno di aumentare il numero di agenti doganali per aiutare le imprese con montagne di scartoffie extra. Il numero ora, circa 10.000, è ancora circa un quinto di quello che la RHA afferma è necessario per gestire il massiccio aumento delle scartoffie che devono affrontare gli esportatori.

Burnett ha detto all’Observer che oltre al calo del 68% delle esportazioni, circa il 65% -75% dei veicoli che erano arrivati ​​dall’UE tornava vuoto perché non c’erano merci con cui tornare, a causa della trattenuta. da parte del Regno Unito e perché alcune società britanniche avevano temporaneamente o definitivamente interrotto le esportazioni verso l’UE. “Trovo profondamente frustrante e fastidioso che i ministri abbiano scelto di non ascoltare l’industria e gli esperti”, ha detto.

I contatti con Gove erano stati limitati e avevano ottenuto pochi risultati negli ultimi mesi. “Michael Gove è il maestro nell’estrarre informazioni da te e non restituire nulla”, ha detto. “Risponde su WhatsApp e dice di aver ricevuto la lettera ma non arriva alcuna risposta scritta. Quasi ogni volta che abbiamo scritto negli ultimi sei mesi non ha risposto per iscritto. Tende a convincere i funzionari a iniziare a lavorare sulle cose. Ma le risposte sono una completa perdita di tempo perché non ascoltano quali erano i problemi che abbiamo sollevato in primo luogo. “

Secondo la biblioteca della Camera dei Comuni, le esportazioni del Regno Unito verso l’UE sono state di 294 miliardi di sterline nel 2019 (43% di tutte le esportazioni del Regno Unito) mentre le importazioni del Regno Unito dall’UE sono state di 374 miliardi di sterline (52% del totale). La stragrande maggioranza delle esportazioni verso l’UE dal Regno Unito passa attraverso i porti anziché per via aerea.

Richard Ballantyne, amministratore delegato della British Ports Association, ha detto che la cifra del 68% suonava “sostanzialmente in linea” con le sue impressioni sul calo del traffico. Ha detto che alcuni, ma non tutti, i problemi con le scartoffie extra che hanno causato ritardi potrebbero essere risolti in tempo, anche se ha avvertito che alcune aziende di entrambe le parti cercheranno nuovi mercati piuttosto che cercare di affrontare l’attrito aggiuntivo. Ballantyne ha anche previsto una nuova serie di difficoltà nei prossimi mesi, poiché l’infrastruttura necessaria nel momento in cui il Regno Unito introdurrà i controlli completi sulle importazioni di merci dall’UE il 1 ° luglio, a suo avviso, non sarebbe pronta in tempo. Ciò ha sollevato la prospettiva di tutta una nuova serie di problemi che interessano le importazioni.

Esperti di commercio hanno affermato che parte del motivo del forte calo delle esportazioni è stata la coincidenza della Brexit e della pandemia. Ma diversi capi di organismi commerciali temono che il peggio possa arrivare. Shane Brennan, amministratore delegato della Federazione della catena del freddo, l’ente per le aziende che spostano e immagazzinano cibi congelati e refrigerati, ha dichiarato: “Guardando ad aprile fino a luglio, ciò che mi preoccupa davvero è che affrontiamo una tempesta perfetta.

“Avremo un’economia che cerca di uscire dal blocco nello stesso momento in cui il Regno Unito sta imponendo una serie di controlli sulle importazioni alle imprese dell’UE che potrebbero non essere più preparate di quanto lo siano state le imprese del Regno Unito – e forse meno – e una catena di approvvigionamento che è incredibilmente riluttante a servire il Regno Unito. La crisi completa della Brexit che stavamo prevedendo potrebbe entrare in vigore a quel punto “.

Nelle ultime settimane centinaia di aziende britanniche hanno deciso di interrompere le esportazioni verso l’UE o di creare magazzini o filiali all’interno dell’UE in modo da poter distribuire le merci più facilmente. I ministri affermano che la maggior parte delle questioni relative alla Brexit che le imprese devono affrontare sono “problemi iniziali”, sebbene Michael Gove abbia accettato che quelle che interessano l’Irlanda del Nord siano più gravi.

Altre News

Articoli Correlati