Dati Covid in tempo Reale

All countries
195,725,739
Confermati
Updated on 27 July 2021 17:53
All countries
175,732,144
Ricoverati
Updated on 27 July 2021 17:53
All countries
4,188,914
Morti
Updated on 27 July 2021 17:53

Concerto 1 maggio. Fedez contro l’omofobia, difende il Ddl Zan e attacca la Lega

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Un lungo monologo in difesa del DDL Zan, dove il rapper ha fatto nomi e cognomi di esponenti della Lega.

“A proposito di Superlega  due parole sull’uomo del momento Ostellari (Andrea Ostellari, legista a capo della Commissione Giustizia in Senato) ha deciso che un disegno di legge già approvato alla Camera può tranquillamente essere bloccato dall’iniziativa di un singolo, cioè se stesso. Ma d’altronde Ostellari fa parte di uno schieramento politico che negli anni si è distinto per la sua lotta all’uguaglianza”.

Parole queste che hanno fatto da apripista a tutta una serie di citazioni che hanno coinvolto alcuni dei principali esponenti della Lega, tra cui: Giovanni De Paoli, consigliere regionale della Lega Liguria, Alessandro Rinaldi, consigliere per la Lega in Reggio Emilia e il senatore Simone Pillon, anche lui politico legista.

Nel suo monologo  spiega come “Ostellari ha deciso che un disegno di legge di iniziativa parlamentare, quindi massima espressione del popolo che è stato già approvato alla Camera come Ddl Zan, può tranquillamente essere bloccato dalla voglia di protagonismo di un singolo, cioè se stesso. Ma d’altronde Ostellari fa parte di uno schieramento politico che negli anni si è distinto per la sua grande lotta all’uguaglianza”.

Fedez ricorda ancora come “qualcuno come Ostellari ha detto che ci sono altre priorità in questo momento di pandemia rispetto al ddl Zan. Guardiamole: il Senato non ha avuto tempo per il ddl Zan perchè doveva discutere l’etichettatura del vino, la riorganizzazione del Coni, l’indennità di biliguismo ai poliziotti di Bolzano, e il reintegro del vitalizio di Formigoni”.

“Quindi  secondo Ostellari probabilmente il diritto al vitalizio di Formigoni è più importante della tutela dei diritti di tutti e di persone che vengono quotidianamente discriminate fino alla violenza. E a proposito di diritto alla vita l’ultra cattolico Jacopo Coghe, amicone del leghista Pillon, in questi mesi è stata la prima voce a sollevarsi contro il ddl Zan. L’antiabortista però non si è accorto che il Vaticano ha investito più di 20 milioni di euro in un’azienda farmaceutica che produce la pillola del giorno dopo, quindi cari antiabortisti, caro Pillon, avete perso troppo tempo a cercare il nemico fuori e non vi siete accorti che il nemico ce l’avevate in casa. Che brutta storia”.

 

 

 

 

 

 

Altre News

Articoli Correlati