Confcommercio. Crollo consumi in 2020, persi 126 mld euro. Circa 2.000 euro a testa

- Advertisement -

AgenPress – La fotografia dei danni del Covid è sempre impietosa, sia da un punto di vista sociale che economico. Negli ultimi mesi, puntualmente, l’Ufficio Studi Confcommercio ha raccontato con dati puntuali la crisi, traducendo in numeri quello che si poteva constatare nella realtà di tutti i giorni come nel caso dell’ultimo report su “La regionalizzazione dei consumi: stime per il 2020 e previsioni per il 2021” e la consueta rilevazione mensile su Pil e consumi (Congiuntura Confcommercio).

Con un calo complessivo dei consumi dell’11,7%, pari ad oltre 126 miliardi di euro, il 2020 ha registrato il peggior dato dal secondo dopoguerra; un dato su cui pesa la riduzione del 60,4% della spesa dei turisti stranieri, pari ad una perdita di circa 27 miliardi di cui 23 concentrati prevalentemente nelle regioni del Centro-Nord (Lazio e Toscana in testa); quanto alla spesa pro capite, il crollo della domanda ha comportato, mediamente, una riduzione di oltre 2.000 euro rispetto al 2019 riportando i consumi ai livelli del 1995; ma la perdita di consumi ha avuto andamenti differenziati sul territorio: il Nord e il Centro risultano le aree più penalizzate (Veneto e Valle d’Aosta le regioni con le maggiori perdite di consumi pari ad oltre il 15%), mentre il Sud ha registrato un andamento leggermente meno negativo meno negativo; in questi ultimi due mesi del 2021, tuttavia, le riaperture delle attività e il ritorno alla mobilità hanno determinato un incremento dei consumi (+14,2% a maggio) consolidando il recupero del Pil (+2,9 a giugno).

- Advertisement -

Commentando i dati dell’Ufficio Studi, il presidente di Confcommercio ha sottolineato che “l’economia italiana si è rimessa in moto ma a velocità differenti“. “Ci sono regioni e settori come il turismo e la cultura che torneranno ai livelli pre-covid solo nel 2023 e molte imprese sono a rischio“. Secondo Sangalli è dunque necessario proseguire nella politica dei sostegni “mentre il piano di ripresa deve risolvere i problemi strutturali e favorire la crescita più robusta del nostro Paese“.

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati