Dati Covid in tempo Reale

All countries
265,800,065
Confermati
Updated on 5 December 2021 10:13
All countries
237,752,054
Ricoverati
Updated on 5 December 2021 10:13
All countries
5,266,119
Morti
Updated on 5 December 2021 10:13

Coronavirus. Dissidente cinese. “Alla Cina non importa il disastro che ha causato”

- Advertisement -
Agenpress – Ai Weiwei è un dissidente cinese che vive a Cambridge, in Inghilterra. Nel 2011 è stato arrestato dalla polizia cinese con l’accusa di evasione fiscale, un’accusa ampiamente interpretata come punizione per il suo attivismo politico. Dopo il suo rilascio, il passaporto di Ai fu confiscato e fu posto sotto stretta sorveglianza a Pechino.
Ai ha criticato la gestione dell’epidemia da parte della Cina, che è stata identificata per la prima volta nella città di Wuhan e da allora si è diffusa in oltre 210 paesi e territori, colpendo oltre 2,5 milioni di persone.
In un recente articolo  per The Art Newspaper, ha affermato che le tattiche di contenimento del Partito Comunista al potere hanno dimostrato “l’efficacia delle regole autoritarie”, mentre l’incapacità di altri paesi di controllare la pandemia ha messo in luce gli “svantaggi e le pratiche scorrette di società libere e democratiche “.
Nelle ultime settimane si è detto molto sugli  sforzi della Cina di nascondere l’inizio del virus, accusa che Pechino nega fortemente, ma che ne ha causato la diffusione.
Tuttavia, comprendere le motivazioni della Cina è importante  tanto quanto il presunto insabbiamento, o il suggerimento che il numero di infezioni e i decessi del paese siano stati sottostimati.
“La colpa dell’Occidente è molto superficiale”, ha detto Ai. “Parlano (in Occidente) solo della Cina praticamente – (che) non rilasciano informazioni. Ma non chiedono mai, ‘Perché?'”
Secondo Ai, la Cina non funzionerebbe se non fosse uno Stato che ha  il “controllo e la manipolazione” delle informazioni.
“Per la Cina, tutto è per uso politico. E hanno una chiara ragione per dare i numeri che vogliono, o per limitare o cambiare o distorcere la cosiddetta verità”, ha detto Ai.
“Un numero non significa nulla per loro”, ha detto, aggiungendo che c’è poco riconoscimento degli individui e delle “anime profonde” che compongono il bilancio delle vittime. “In molti casi in Cina, non si ottengono nemmeno i nomi reali o quante persone. Sono completamente persi perché lo stato vuole (preservare) la propria immagine”.
Alla Cina “non importa che tipo di disastro” ha causato. “L’unica cosa che importa al potere autoritario” è  manipolare la storia.
Durante la pandemia, le autorità cinesi hanno sviluppato un sistema di “codice sanitario” basato sul colore progettato per tracciare i movimenti delle persone e frenare la diffusione del virus. Usando la tecnologia mobile e i big data, codici QR digitali unici sono stati assegnati a centinaia di milioni di cittadini, indicando il loro stato di salute e dando loro accesso (o impedendo loro) di mezzi pubblici, ristoranti e centri commerciali.
Di conseguenza, Ai ritiene che il virus abbia solo rafforzato quello che chiama lo “stato di polizia”, ​​consentendo al governo di continuare a raccogliere dati e costruire una comprensione più profonda dei suoi cittadini.
 “La Cina ha 1,4 miliardi di persone e un solo potere. Devono effettivamente mantenere questo tipo di potere conoscendo tutti: cosa hanno in mente e il loro comportamento.”
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati