Gazprom riduce la produzione giornaliera di gas del 20%. Ue, ridurre consumo gas del 15% nei prossimi sette mesi

- Advertisement -

AgenPress – Il colosso energetico russo Gazprom afferma che taglierà ancora una volta drasticamente le forniture di gas all’Europa attraverso il suo gasdotto principale a causa di lavori di manutenzione.

Gazprom ha affermato che l’arresto di un’altra turbina al gasdotto Nord Stream 1 ridurrebbe la produzione giornaliera di gas del 20%, dimezzando l’attuale livello di fornitura.

- Advertisement -

Il governo tedesco ha affermato che non vi era alcun motivo tecnico per limitare la fornitura di gas.

È probabile che renda più difficile per i paesi europei rifornire le loro scorte di gas prima dell’inverno.

Il gasdotto Nord Stream 1, che pompa gas dalla Russia alla Germania, funziona da settimane ben al di sotto della capacità ed è stato completamente chiuso per un’interruzione di manutenzione di 10 giorni all’inizio di questo mese.

- Advertisement -

La Russia ha fornito all’Europa il 40% del suo gas l’anno scorso e l’UE ha accusato la Russia di usare l’energia come arma.

La Commissione europea ha esortato i paesi a ridurre il consumo di gas del 15% nei prossimi sette mesi dopo che la Russia ha avvertito che potrebbe frenare o fermare del tutto le forniture.

I prezzi del gas all’ingrosso sono aumentati vertiginosamente da quando la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio, con un impatto a catena sulle bollette energetiche dei consumatori.

Gazprom, controllata dallo stato russo, ha affermato che l’ultima riduzione della fornitura inizierà alle 04:00 GMT di mercoledì a causa delle “condizioni tecniche” di una delle ultime due turbine in funzione.

Ma una portavoce del ministero dell’Economia tedesco ha detto all’agenzia di stampa AFP: “Secondo le informazioni che abbiamo non vi è alcun motivo tecnico per una riduzione delle consegne”.

Il Cremlino sostiene di essere un partner energetico affidabile e incolpa le sanzioni occidentali per la recente interruzione delle forniture di gas all’Europa.

Gazprom afferma che la restituzione ritardata – a causa delle sanzioni – delle apparecchiature servite in Canada l’ha costretta a mantenere il flusso di gas attraverso il Nord Stream 1 ad appena il 40% della capacità.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati