Gemelli siamesi separati con un intervento chirurgico durato 27 ore, in aiuto la realtà virtuale

- Advertisement -

AgenPress – I gemelli siamesi nati in Brasile con testa e cervello fusi sono stati separati in quello che i medici hanno descritto come l’intervento chirurgico più complesso nel suo genere, che hanno preparato per utilizzare la realtà virtuale.

Arthur e Bernardo Lima sono nati nel 2018 nello stato di Roraima, nel nord del Brasile, come gemelli craniopagus, una condizione estremamente rara in cui i fratelli sono fusi al cranio.

- Advertisement -

Uniti nella parte superiore della testa per quasi quattro anni – la maggior parte dei quali trascorsi in un ospedale di Rio de Janeiro dotato di un letto su misura – i fratelli sono ora in grado di guardarsi in faccia per la prima volta, dopo una serie di nove operazioni culminate in una maratona chirurgica di 27 ore per separarli.

L’ente di beneficenza medico londinese Gemini Untwined, che ha contribuito a eseguire la procedura, l’ha descritta come la “separazione più impegnativa e complessa fino ad oggi”, dato che i ragazzi condividevano diverse vene vitali.

- Advertisement -

“I gemelli avevano la versione più grave e difficile della condizione, con il più alto rischio di morte per entrambi”, ha detto il neurochirurgo Gabriel Mufarrej del Paulo Niemeyer State Brain Institute (IECPN) a Rio, dove è stata eseguita la procedura.

“Siamo molto soddisfatti del risultato, perché nessun altro all’inizio credeva in questo intervento, ma abbiamo sempre creduto che ci fosse una possibilità”, ha detto in una nota.

I membri dell’équipe medica, che comprendeva quasi 100 dipendenti, si sono preparati per le delicate fasi finali dell’intervento chirurgico il 7 e 9 giugno con l’aiuto della realtà virtuale, ha affermato Gemini Untwined.

Utilizzando scansioni cerebrali per creare una mappa digitale del cranio condiviso dai ragazzi, i chirurghi si sono esercitati per la procedura in un intervento chirurgico di prova transatlantico in realtà virtuale.

Il neurochirurgo britannico Noor ul Owase Jeelani, chirurgo capo di Gemini Untwined, ha definito la sessione di preparazione alla realtà virtuale “roba dell’era spaziale”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati