Dati Covid in tempo Reale

All countries
228,303,851
Confermati
Updated on 17 September 2021 23:01
All countries
203,180,726
Ricoverati
Updated on 17 September 2021 23:01
All countries
4,691,677
Morti
Updated on 17 September 2021 23:01

Hong Kong. Si scioglie il Fronte per i diritti umani e civili, coalizione pro-democrazia

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Il Fronte per i diritti umani e civili, la coalizione che ha promosso le proteste di massa a favore della democrazia a Hong Kong nel 2019, ha annunciato il suo autoscioglimento, motivandolo con la crescente repressione contro la protesta nel territorio semi-autonomo cinese.

La dissoluzione arriva mentre la Cina rimodella Hong Kong nella propria immagine autoritaria ed epura la città da qualsiasi persona o gruppo ritenuto sleale o antipatriottico.

Il Civil Human Rights Front (CHRF) è stato uno dei principali attori nei mesi di proteste democratiche che hanno sconvolto Hong Kong nel 2019.

Ma il gruppo ha affermato che il successivo giro di vite di Pechino sui sostenitori della democrazia e un divieto di fatto alle proteste gli hanno lasciato poco futuro.

“Tutti i gruppi membri sono stati soppressi e la società civile sta affrontando una sfida senza precedenti”, ha scritto il Fronte per i diritti umani civili in una dichiarazione che annunciava il motivo per cui si stava sciogliendo.

I suoi restanti 1,6 milioni di dollari di Hong Kong (205.000 dollari) in beni sarebbero stati donati a “gruppi appropriati”, ha aggiunto la dichiarazione.

Le proteste del 2019 sono iniziate in risposta a una legge profondamente impopolare che avrebbe consentito l’estradizione dalla città semi-autonoma alla Cina continentale autoritaria.

Ma presto si sono trasformati in appelli per una maggiore democrazia e responsabilità della polizia dopo che enormi folle sono state disperse con gas lacrimogeni e proiettili di gomma.

La CHRF, fondata nel 2002, ha sposato la nonviolenza e regolarmente ha portato folle di centinaia di migliaia di persone nelle strade. 

Alcune stime dicono che più di un milione di persone hanno marciato ad alcuni raduni, in una città di 7,3 milioni di abitanti.

Ma il movimento democratico deliberatamente senza leader è diventato sempre più feroce con l’escalation degli scontri tra la polizia antisommossa e gruppi più piccoli di manifestanti più incalliti, spesso giovani.

“La società civile affronta sfide di difficoltà senza precedenti”, ha affermato il movimento in una nota. Il Fronte, che ha anche organizzato la marcia di protesta annuale in occasione della consegna del territorio semiautonomo alla Cina nel 1997, è il più grande a sciogliersi mentre prosegue la repressione del dissenso nella città. All’inizio della settimana a sciogliersi era stato il più grande sindacato degli insegnanti.

Amnesty International ha espresso la sua preoccupazione per “il modello di autocensura visto questa settimana”. L’organizzazione con sede a Londra ha affermato in una dichiarazione che questo “segnala un preoccupante effetto domino, poiché la draconiana legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong ha innescato una rapida scomparsa di gruppi indipendenti della società civile dalla città”.

Gli ex leader del Fronte per i diritti umani, Figo Chan e Jimmy Sham, sono attualmente in carcere con accuse relative al loro attivismo. Da quando è stata emanata la legge sulla sicurezza nazionale, molti sindacati, associazioni e organizzazioni politiche si sono sciolti per timore che la legge potesse essere usata per prenderli di mira. “Anche se il Fronte per i diritti umani oggi non esiste più, crediamo che diversi gruppi continueranno a rimanere fedeli ai loro ideali, che non dimenticheranno le loro intenzioni originali e continueranno a sostenere la società civile!”, ha affermato il gruppo in una nota.

Altre News

Articoli Correlati