Dati Covid in tempo Reale

All countries
159,496,218
Confermati
Updated on 10 May 2021 21:27
All countries
138,088,401
Ricoverati
Updated on 10 May 2021 21:27
All countries
3,314,364
Morti
Updated on 10 May 2021 21:27
spot_img

Libia. “Duemila combattenti siriani al fianco di Al Sarraj” in cambio della nazionalità turca

Agenpress – Sono circa 2mila i combattenti siriani, a cui è stata promessa la nazionalità turca, già dispiegati o in procinto di arrivare in Libia a sostegno del governo di accordo nazionale guidato da Fayez Al Sarraj, dopo che Ankara ha accolto il mese scorso la sua richiesta di sostegno militare contro l’offensiva del generale Khalifa Haftar. E’ quanto riporta il quotidiano britannico “The Guardian”, citando fonti siriane.

Una fonte ha precisato che i combattenti siriani dovrebbero confluire in una divisione che prende il nome dal leader della resistenza libica, Omar al-Mukhtar, giustiziato dall’Italia nel 1931 e diventato una figura molto popolare in Siria durante la rivolta del 2011.

Secondo quanto precisato da fonti dell’Esercito nazionale siriano, una coalizione di gruppi ribelli siriani sostenuti da Ankara, i combattenti hanno firmato contratti di sei mesi, da 2.000 dollari al mese, direttamente con il governo di Tripoli, A tutti è stata promessa la nazionalità turca. La Turchia si è anche impegnata pagare le spese mediche per i combattenti feriti e a rimpatriare le salme di quanti cadranno sul terreno.

Quattro siriani, riferisce il Guardian, sarebbero già morti in Libia, mentre l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha riferito di almeno 14 uomini deceduti. Sia Ankara che Tripoli hanno più volte smentito la presenza di combattenti siriani in Libia. Secondo quanto appreso dal giornale inglese, ai siriani è stato vietato di pubblicare sui social qualsiasi prova della loro presenza in Libia.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati