Licheri (M5S), non faremo mai cadere un governo per convenienza. Chiediamo un cambio di passo

- Advertisement -

AgenPress – “Voglio subito rassicurare che non troverete mai un 5 Stelle che sulla base di convenienze elettorale faccia accadere il governo, qualunque cosa possa accadere, siamo fatti così. Abbiamo sempre mantenuto una linea di assoluta responsabilità”. Lo ha detto il senatore del M5s, Ettore Licheri, intervenendo in Aula dopo le comunicazioni del premier Draghi.

 “Non possiamo non chiederle un cambio di passo, non possiamo non chiederle come davanti a questa emergenza occorrano azioni concrete”.

- Advertisement -

“Quello che è stato detto stamattina nei nostri confronti non è nulla rispetto a quello che abbiamo dovuto subire perché siamo l’unica forza politica che sta incalzando il governo sulla crisi. Ma non chiediamo poltrone come ha fatto Romeo, della Lega, non chiediamo rimpasti. Solo di poter dare risposte ai nostri cittadini, cercando di capire cosa è di destra e cosa di sinistra. L’intervento di Iv lo avrebbe potuto scrivere Forza Italia, e quello della Lega lv”, ha detto ancora Licheri.

“Non possiamo oggi dire quello che lei dice, ossia che “affronteremo il problema del superbonus con un tavolo. Perché non siamo politici di professione, ma sappiamo che quando non si ha molto chiara una cosa si dice “apriamo un tavolo”. Aspettiamo di capire se per lei il problema è la cessione dei crediti fiscali, se il superbonus lo si frena perché è una misura dei 5 Stelle, senza accampare presunte frodi”.

“Dal suo discorso abbiamo capito che non c’è ancora una risposta alle nostre istanze; qualcuno pensa che basti aumentare il livello di occupazione per risolvere i problemi sociali, qualcuno vuole togliere il reddito di cittadinanza. Come si fa a rendere possibile l’unita nazionale quando si vuole togliere il reddito di cittadinanza?”.

- Advertisement -

“Chiudo chiedendo dignità, anche sul documento che le abbiamo dato: lì c’è la politica con P maiuscola, lì non ci sono bandierine ma ci sono temi sociali e le chiediamo di pronunciarsi con parole chiare come quelle che abbiamo usato noi”.

“Ha detto che occorre un governo forte e un Parlamento che lo accompagni. Attenzione, le democrazie sono forti quando sono forti i parlamenti e il governo li accompagna”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati