Dati Covid in tempo Reale

All countries
232,696,764
Confermati
Updated on 27 September 2021 14:23
All countries
207,620,341
Ricoverati
Updated on 27 September 2021 14:23
All countries
4,764,064
Morti
Updated on 27 September 2021 14:23

L’opinione di Roberto Napoletano. La pacchia è finita

- Advertisement -
- Advertisement -

L’extra che non c’è in casa e quello che si sta esaurendo fuori

Agenpress –  Quel poco che si fa in questo Paese ottusamente diseguale succede quando c’è molta abbondanza di risorse – magari a debito e con la libertà di farne altro – e c’è dunque un extra che avanza da distribuire ai nuovi, a quelli che stanno sotto. La regola è sempre stata che non si può togliere nulla a quelli che stanno sopra.

Per capirci, quel poco o tanto di riforme che si sono fatte, nei vari cicli dal dopoguerra a oggi, si sono realizzate sempre e solo, appunto, con l’extra che consente di non toccare chi prende già e deve continuare a prendere. Anche se non fa un uso eccellente di ciò che prende.

Anche se ne fa un uso smaccatamente clientelare. Anche se gode di un privilegio tanto ingiusto quanto dannoso per lui e per gli altri. Voglio dire: non si è mai avuta la forza di fare le riforme togliendo a chi indebitamente riceve ciò che non merita per dare a chi merita e sul quale è opportuno investire. Questa è stata l’Italia di ieri. Questa è l’Italia paralizzata di oggi con qualche aggravante in più. La prima delle quali è che non sappiamo nemmeno più godere dell’extra.

Il Cavaliere bianco, Mario Draghi, salva l’euro e apre un ombrello monetario che copre tutto, ma offre ai Paesi europei più indebitati e con più problemi la possibilità di utilizzare l’ammortizzatore liquidità per fare le riforme e porre le basi per una crescita duratura che colmi le diseguaglianze territoriali?

Insomma: ci regala l’extra, che non è più nuovo debito pubblico, ma bassi tassi di interesse e quindi la possibilità di spendere meno per pagare il debito vecchio, aiuta a ridurre il costo sociale delle riforme? La Spagna coglie al volo l’opportunità, fa le riforme strutturali più pesanti e investe nell’alta velocità ferroviaria partendo dal Sud al Nord unificando il Paese e allargandone il potenziale di crescita. Noi siamo capaci di fare a volte pochissimo e più spesso l’esatto contrario perché continuiamo a regalare prebende pubbliche assistenziali ai ricchi e decidiamo con l’orgoglio degli stolti che l’Italia degli investimenti pubblici si ferma a Firenze.

Per leggere la versione integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

https://www.quotidianodelsud.it/laltravocedellitalia/editoriali/2020/01/30/leditoriale-del-direttore-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-la-pacchia-e-finita

Altre News

Articoli Correlati