Dati Covid in tempo Reale

All countries
180,765,742
Confermati
Updated on 25 June 2021 03:33
All countries
163,692,261
Ricoverati
Updated on 25 June 2021 03:33
All countries
3,915,962
Morti
Updated on 25 June 2021 03:33

Matera. In otto stuprano due minorenni. “Morsi alle parti intime per difendersi”

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – La polizia ha arrestato quattro persone nell’ambito dell’indagine sulla violenza sessuale di gruppo subita da due minorenni inglesi durante una festa in una villa a Marconia di Pisticci la notte tra il 7 e l’8 settembre. Le ragazze, in vacanza in Italia, avevano chiamato il 118 raccontando di essere state picchiate e stuprate durante la serata. Il branco era composto da 8 giovani, di cui tre indagati in stato di libertà.

Gli arrestati sono Michele Masiello, di 23 anni, Alberto Lopatriello (22), Alessandro Zuccaro (21) e Giuseppe Gargano (19), tutti disoccupati e residenti a Pisticci. Le accuse sono di violenza sessuale e lesioni personale aggravate e continuate. I quattro sono stati trasferiti in carcere.

Le indagini, svolte con estrema rapidità, hanno portato in tempi brevissimi all’emissione delle misure cautelari evidenziando in modo chiaro, spiegano gli investigatori, la brutalità, la gravità ed efferatezza delle violenze commesse “con modalità subdole”, che avrebbero potuto essere reiterate nei confronti di altre donne.

Poco dopo essere arrivate alla festa, accompagnate dalla sorella 30enne di una delle due, le ragazzine inglesi sono state avvicinate da due degli indagati. “Approfittando dello stato di alterazione psichica delle due minorenni, dovuto – spiega la questura di Matera – all’assunzione di alcol”, uno degli otto giovani coinvolti, Giuseppe Gargano, di 19 anni, ha spinto con forza una delle due in una zona buia, seguito dagli altri amici e dall’altra ragazzina. Qui è avvenuto lo stupro di gruppo, con due distinte violenze sessuali.

Seppur spaventate, le giovani hanno provato a sottrarsi al branco come potevano. “Le ragazze hanno cercato di difendersi anche mordendo una parte intima di uno dei ragazzi”, ha spiegato il Procuratore Capo che poi ha aggiunto che “le ragazze rimarranno a Matera per l’incidente probatorio”. Argentino ha anche specificato che le minori “sono arrivate alla festa, organizzata da un 47enne che compiva gli anni, in compagnia di una trentenne, sorella di una delle due”.

Successivamente, tutti si sono allontanati e le due ragazze si sono rivolte alla sorella di una delle due, hanno poi raggiunto un bagno della villa e le hanno raccontato quanto era accaduto. Tornate a casa, hanno telefonato al 118, denunciando di essere state violentate e sono state poi ascoltate in “forma protetta” dagli inquirenti e dalle psicologhe con l’ausilio degli interpreti.

Le due ragazzine hanno cercato con tutte le loro forze di difendersi e di sfuggire allo stupro di gruppo, durato circa 15 minuti.  La festa – hanno confermato gli investigatori – era “aperta” a tutti, senza necessità di essere stati invitati: la musica ad alto volume ha fatto sì che nessun’altra persona presente si accorgesse della violenza in corso. Una delle due minorenni ha cercato di difendersi anche dando un morso alle parti intime di uno dei suoi violentatori.

Gli stupratori hanno anche approfittato “delle condizioni di inferiorità’ psichica” delle due turiste che “dagli esami risultava avessero assunto sostanza stupefacente, somministrata a loro insaputa da soggetti in via di identificazione”, ha scritto ancora il giudice.

Le due minorenni hanno riconosciuto almeno due dei loro violentatori dopo che una cugina delle due aveva mostrato loro i profili Instagram di Masiello e di Lopatriello. E’ uno dei passaggi dei verbali che fanno parte dell’ordinanza firmata dal gip di Matera, Angelo Onorati, con cui ha disposto la misura cautelare in carcere per i quattro giovani.

Tornate a casa dopo la violenza sessuale subita, le due turiste “piangevano a dirotto, si trovavano in un evidente stato di shock e completamente terrorizzate”. E’ questo uno dei passaggi della testimonianza rilasciata alla polizia da un parente di una delle due ragazzine, che ha origini italiane. L’uomo ha detto “di aver ancora davanti” ai suoi occhi “lo stato di sgomento in cui le bambine si trovavano”.

 

 

Altre News

Articoli Correlati