Nato. Stoltenberg, più armi a Ucraina, anche anti-carro e droni. Non invieremo truppe

- Advertisement -

AgenPress –  I leader dell’alleanza militare occidentale Nato hanno deciso di rafforzare le loro difese a est in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

“Abbiamo attivato i piani di difesa della Nato, schierato elementi della Nato Response Force e posizionato 40.000 soldati sul nostro fianco orientale”, hanno annunciato in una dichiarazione congiunta dopo i colloqui a Bruxelles.

- Advertisement -

Il capo dell’Alleanza Jens Stoltenberg ha detto in precedenza che quattro nuovi gruppi tattici saranno inviati in Slovacchia, Ungheria, Bulgaria e Romania.

“Gli alleati oggi hanno deciso di fornire più assistenza all’Ucraina, anche dal punto di vista militare. Tra questi si contano armi anti carro, difese anti missili e droni, che si sono dimostrati molto efficaci. Gli alleati poi assisteranno l’Ucraina con aiuti finanziari e umanitari”.

Stoltenberg spiega cosa la Nato ha deciso di fare ulteriormente per aiutare l’Ucraina. Dice che c’è una “nuova realtà della sicurezza”.

- Advertisement -

A terra, ci saranno sostanzialmente più forze nella parte orientale dell’alleanza con un maggiore stato di prontezza. Nell’aria verranno schierati più jet e in mare ci saranno gruppi d’attacco di portaerei, sottomarini e navi da combattimento su base persistente.

E oltre a più forniture militari, anche le difese informatiche vengono rafforzate e la Nato aiuterà anche l’Ucraina a difendersi dalle minacce nucleari e biologiche.

Stoltenberg  rispondendo alle domande dei giornalisti ha affermato che l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin ha cambiato il nostro ambiente di sicurezza a lungo termine e la Nato è pronta per il “lungo raggio”.

Ribadisce che l’alleanza ha aumentato la sua presenza nell’est e oggi ha concordato quattro nuovi gruppi tattici che saranno inviati in Slovacchia, Ungheria, Bulgaria e Romania.

 “La Nato non dislocherà truppe sul territorio Ucraino”, ha aggiunto. “Abbiamo la responsabilità di non far tracimare il conflitto oltre l’Ucraina”. Stoltenberg ha inoltre fatto intendere che gli alleati hanno deciso di non soddisfare la richiesta del presidente Volodymyr Zelensky di fornire “l’1%” dei tank e dei jet dell’Alleanza. “Non entrerò nei dettagli, la Nato sta offrendo un aiuto militare significativo all’Ucraina”, ha risposto a una domanda specifica.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati