Dati Covid in tempo Reale

All countries
232,730,163
Confermati
Updated on 27 September 2021 15:23
All countries
207,652,051
Ricoverati
Updated on 27 September 2021 15:23
All countries
4,764,343
Morti
Updated on 27 September 2021 15:23

“Norma Willy” e daspo contro la violenza. Ma la famiglia chiede “pena certa e giustizia”

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress –  Un inasprimento delle pene per il reato di rissa e il Daspo dai locali pubblici e di intrattenimento per chi sia stato denunciato o condannato per atti di violenza fuori da un locale. E’ la novità che i ministri Alfonso Bonafede e Luciana Lamorgese, a quanto si apprende, si preparano a introdurre nel decreto sicurezza.

Una “norma Willy” che arriva dopo l’uccisione del giovane fuori da una discoteca e aumenta le pene per chi abbia partecipato a una rissa, facendo salire la multa da 309 a 2000 euro e la reclusione – se qualcuno resta ferito o ucciso nella rissa – da un minimo di sei mesi a un massimo di sei anni (ora va da tre mesi a cinque anni).

Per i protagonisti di disordini o di atti di violenza il questore può disporre il Daspo da specifici locali o esercizi pubblici: se violato c’è la reclusione fino a due anni e una multa fino a 20.000 euro.

“La famiglia di Willy vuole una pena certa e giustizia. Come avvocato non credo che legiferare in emergenza sia la cosa più saggia. Già adesso ci sono norme severe ma bisogna far sì che le pene siano espiate e abbiano funzione educativa” replica l’avvocato Domenico Marzi, legale della famiglia.  “Bisognerebbe valutare perché episodi del genere si verificano e a chi sono ascrivibili occorrerebbe una maggiore vigilanza ad esempio nelle palestre e nelle scuole, magari allungando la permanenza anche pomeridiana”.

Altre News

Articoli Correlati