Dati Covid in tempo Reale

All countries
176,910,653
Confermati
Updated on 14 June 2021 21:00
All countries
159,335,019
Ricoverati
Updated on 14 June 2021 21:00
All countries
3,822,710
Morti
Updated on 14 June 2021 21:00

Russia. Alexei Navalny avvelenato con una sostanza diluita nel tè

AgenPress –  L’oppositore russo Alexei Navalny “è in coma” e “sotto ventilazione”. Lo conferma il servizio stampa del ministero della Salute della regione di Omsk dove l’attivista è ricoverato, citato da Interfax.

I medici dell’ospedale di Omsk dove è stato ricoverato “stanno lottando per salvargli la vita”., a dirlo il vicedirettore del nosocomio Anatoly Kalinichenko. Un funzionario del ministero della Salute ha detto che il 44enne esponente politico è in pericolo di vita, ma le sue condizioni sono al momento “stabili”.

Nella mattinata  l’esponente dell’opposizione extraparlamentare russa Aleksey Navalny si è sentito male a bordo di un aereo diretto a Mosca dalla città di Tomsk, in Siberia. Dopo l’atterraggio d’emergenza Navalny è stato ricoverato d’urgenza.

Aleksey Navalny, 44 anni, fondatore del Fondo Anti Corruzione, (FPK) è stato fermato diverse volte dalle forze dell’ordine ed ha scontato una pena detentiva nel luglio 2013 per appropriazione indebita.

Nel dicembre 2016 lo stesso Navalny ha annunciato la propria intenzione di candidarsi alle elezioni presidenziali del 2018 ma la sua candidatura non è stata accettata dalla Commissione Elettorale Centrale, a causa delle sue pendenze penali precedenti.

Navalny stava rientrando dall’estremo oriente russo dopo una campagna per sostenere i candidati dell’opposizione, in vista delle elezioni locali di settembre. Sul volo da Tomsk per Mosca si è sentito male, iniziando a urlare per il dolore, secondo le testimonianze a bordo. Il pilota ha effettuato un atterraggio d’emergenza ad Omsk e Navalny è stato sbarcato e portato in ospedale.

Avvelenato con una sostanza diluita nel tè, secondo il suo entourage. Il Cremlino, contro cui l’attivista ha affrontato tante battaglie in nome della democrazia, pagando anche con il carcere, gli ha augurato una “pronta guarigione”. Tra le preoccupazioni della comunità internazionale, che teme di dover fare i conti con l’ennesimo caso di un oppositore dello zar vittima di violenza.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati