Home Estero Turchia. Paragona Erdogan ad un “toro nel fienile” Arrestata la nota giornalista...

Turchia. Paragona Erdogan ad un “toro nel fienile” Arrestata la nota giornalista Sedef Kabas

0
219

AgenPress – Un tribunale turco ha arrestato la nota giornalista Sedef Kabas per presunto insulto al presidente del Paese.

La signora Kabas è stata arrestata sabato a Istanbul e un tribunale ha ordinato di incarcerarla prima del processo.

È accusata di aver preso di mira il presidente Recep Tayyip Erdogan con un proverbio che ha citato in diretta televisiva su un canale televisivo collegato all’opposizione. Lei nega l’accusa.

L’accusa comporta una pena detentiva da uno a quattro anni.

“C’è un proverbio molto famoso che dice che una testa coronata diventa più saggia. Ma vediamo che non è vero”, ha detto sul canale Tele1. “Un toro non diventa re solo entrando nel palazzo, ma il palazzo diventa un fienile”.

Il portavoce capo di Erdogan, Fahrettin Altun, ha descritto i suoi commenti come “irresponsabili”.

“Un cosiddetto giornalista sta insultando clamorosamente il nostro presidente su un canale televisivo che non ha altro obiettivo che diffondere l’odio”, ha scritto su Twitter.

Nella sua dichiarazione in tribunale, la signora Kabas ha negato di aver intenzione di insultare il presidente.

Il direttore del canale Tele1 Merdan Yanardag ha criticato l’arresto della signora Kabas.

“La sua detenzione durante la notte alle 2 del mattino a causa di un proverbio è inaccettabile. Questa presa di posizione è un tentativo di intimidire i giornalisti, i media e la società”.

Erdogan ha trascorso 11 anni come primo ministro prima di diventare il primo presidente eletto direttamente del paese nell’agosto 2014, un ruolo presumibilmente cerimoniale.

Il suo mettere a tacere i critici ha causato allarme all’estero, contribuendo a gelide relazioni con l’UE, che ha bloccato la candidatura della Turchia a entrare nel blocco.

Migliaia di persone sono state accusate di aver insultato il signor Erdogan da quando è diventato presidente.

Nel 2020 sono state archiviate più di 31.000 indagini relative all’accusa, riferisce l’agenzia di stampa Reuters.