Ucraina. 400 civili di Gostomel portati a Bucha e fucilati. Sindaco, russi hanno ucciso una donna incinta

- Advertisement -

AgenPress –  Più di 400 persone sono scomparse dalla città di Gostomel che, insieme a Bucha e Irpin, ha sopportato il peso dell’offensiva della Russia sulla capitale ucraina.

Lo riferisce il capo dell’amministrazione militare locale Taras Dumenko citato dalla Bbc. Dumenko afferma che la maggior parte dei corpi dei residenti di Gostomel sono stati trovati nei villaggi vicini e nella città di Bucha. Sostiene inoltre che i russi devono aver rapito le persone, molte delle quali per poi fucilarle, riferisce l’agenzia di stampa Interfax Ukraine. 

- Advertisement -

Il sindaco di Bucha, Anatoliy Fedoruk, ha parlato al programma Newshour della BBC delle accuse di crimini di guerra da parte delle forze russe nella sua città, che è tornata sotto il controllo ucraino.

Si è nascosto in un edificio dalle truppe russe durante la loro occupazione e dice di aver assistito alle uccisioni.

“Attualmente sappiamo che ci sono stati 320 civili pacifici uccisi dagli occupanti russi e questa cifra sta aumentando”.

- Advertisement -

Anatoliy dice di aver visto il momento in cui le persone sono state “brutalmente colpite” dai russi mentre cercavano di fuggire dalla città in auto.

“C’era una donna incinta. Suo marito stava urlando, chiedendo loro di non spararle, ma le hanno semplicemente sparato brutalmente”.

“Così ha dovuto seppellirla sulla strada laterale e invece di una croce ha messo la targa della sua macchina”.

Il sindaco ha anche descritto ciò che sapeva sulle immagini che sembrano mostrare i corpi di civili morti per strada, descrivendo “persone con le mani legate, i loro corpi adagiati l’uno sull’altro [come] un mucchio di legno”.

Racconta di  “cinque giovani torturati, con le mani legate dietro la schiena, colpiti alla nuca”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati