Ucraina. Israele definisce le uccisioni di Bucha un “crimine di guerra”. Siamo scioccati, scene terribili

- Advertisement -

Agenpress – Nella più forte denuncia del Paese contro l’ invasione russa dell’Ucraina , il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha descritto gli omicidi di Bucha , alla periferia di Kiev, come “crimini di guerra”.

“Ancora una volta, un paese grande e potente ha invaso un vicino più piccolo senza alcuna giustificazione”, ha twittato . “Ancora una volta, il terreno è intriso del sangue di civili innocenti. Le immagini e le testimonianze dell’Ucraina sono orribili. Le forze russe hanno commesso crimini di guerra contro una popolazione civile indifesa. Condanno fermamente questi crimini di guerra”.

Come è avvenuto da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, i commenti di Lapid – fatti per la prima volta mentre parlava insieme ai suoi omologhi greci e ciprioti – erano in netto contrasto con quelli del primo ministro israeliano, Naftali Bennett. Sebbene Bennett abbia anche condannato gli omicidi di Bucha, non ha incolpato la Russia. 

“Siamo scioccati dalle immagini orribili che escono da Bucha, scene terribili, e le condanniamo fermamente”, ha detto Bennett dopo essersi rivolto ai soldati israeliani in Cisgiordania. “Le immagini sono molto dure. La sofferenza che il popolo ucraino sta affrontando è enorme e stiamo facendo tutto il possibile per aiutare”.
- Advertisement -

Un po’ di contesto: Israele è uno dei pochi paesi che mantiene buone relazioni sia con Mosca che con Kiev. È particolarmente cauto nel turbare la Russia, la cui benedizione ha bisogno per effettuare attacchi contro obiettivi legati all’Iran in Siria.

Il 5 marzo, Bennett è volato a Mosca , nel Sabbath ebraico, per incontrare il presidente russo Vladimir Putin. Da allora ha tenuto almeno tre telefonate con Putin e una mezza dozzina con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, mentre Israele tenta di mediare tra i due e porre fine ai combattimenti. 

Eppure la posizione del paese – sostenere tacitamente le sanzioni internazionali fornendo solo aiuti umanitari all’Ucraina – sta subendo crescenti pressioni . Rivolgendosi al parlamento israeliano, la Knesset, il mese scorso, Zelensky ha criticato Israele per non aver fatto di più per aiutare il suo Paese, avvertendo che avrebbe “dovuto convivere” con le sue decisioni.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati