Ucraina. Onu. Ambasciatore indiano condanna la strage di Bucha, non cita la Russia, sosteniamo indagine

- Advertisement -

AgenPress – L’ambasciatore indiano presso le Nazioni Unite ha condannato le uccisioni di civili nel sobborgo di Bucha a Kiev, segnando un notevole cambiamento nell’approccio pubblico dei funzionari indiani all’invasione dell’Ucraina da parte del suo partner di lunga data, la Russia. 

TS Tirumurti, rappresentante permanente dell’India presso le Nazioni Unite, ha definito i rapporti sugli omicidi “profondamente inquietanti” durante una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite martedì. 

“Condanniamo inequivocabilmente queste uccisioni e sosteniamo la richiesta di un’indagine aperta”, ha detto Tirumurti, senza nominare la Russia. 
“La situazione in Ucraina non ha mostrato alcun miglioramento significativo da quando il Consiglio ha discusso l’ultima volta la questione. La situazione è solo peggiorata, così come le sue conseguenze umanitarie”, ha affermato. 
- Advertisement -

Le precedenti dichiarazioni del governo indiano non sono riuscite a condannare l’aggressione russa, con il primo ministro Narendra Modi che ha invece chiesto la “cessazione della violenza”.

L’ India si è anche astenuta da varie risoluzioni delle Nazioni Unite che condannano la Russia, sostenendo che si dovrebbero tenere colloqui di pace e che le due nazioni si concentrano su “diplomazia e dialogo”.

 Tirumurti ha rilasciato la sua dichiarazione lo stesso giorno in cui il Partito del Congresso dell’opposizione indiano ha espresso preoccupazione per la posizione della nazione sulla guerra. 

- Advertisement -

Durante una discussione parlamentare sulla questione, Shashi Tharoor ha descritto la prima dichiarazione dell’ONU dell’India a febbraio come “deplorevole”. 

“Sono rimasto scioccato, lo dirò molto onestamente, dal nostro primo paio di dichiarazioni alle Nazioni Unite … non è stata solo l’astensione”, ha detto Tharoor. 

Il collega legislatore del Partito del Congresso Manish Tewari ha parlato dell’evoluzione della geopolitica, dicendo che “questa nuova cortina di ferro ha il potenziale per dividere effettivamente il mondo” e ha aggiunto che l’India “potrebbe non avere la possibilità di sedersi in cima a questa nuova cortina di ferro”. 

“La Russia è stata un’amica fidata dell’India, ed è stata un alleato di lunga data. La Russia è venuta in aiuto dell’India  nei nostri momenti più difficili… Ma poi, signor Presidente, signore, anche gli amici devono sentirsi dire se hanno torto”. 
- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati