Ucraina. Zelensky vuole un colloquio con Xi Jinping, può convincere Putin a porre fine alla guerra

- Advertisement -

AgenPress – Nessun paese ha tanto potere diplomatico con la Russia e allo stesso tempo ha legami altrettanto buoni con l’Ucraina quanto la Cina.

Non sorprende che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky cerchi colloqui con Xi Jinping per aiutare a porre fine alla crisi sull’invasione del suo paese. 

- Advertisement -

“E’ uno Stato molto potente. È un’economia potente. Quindi può influenzare politicamente ed economicamente la Russia”, ha detto al South China Morning Post, precisando di voler esortare Pechino a usare il suo potere economico e politico per spingere Mosca a conformarsi alle norme internazionali.

Attraverso il suo seggio permanente nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Cina ha anche i mezzi per garantire che i paesi aderiscano agli standard globali. Ma non tutti i governi la pensano allo stesso modo e il conflitto ucraino è un esempio calzante. Le sanzioni e le altre misure punitive contro Mosca che gli Stati Uniti ei suoi alleati hanno imposto, e che Kiev sta promuovendo, non sono supportate da Pechino, che è rimasta in silenzio anche sugli appelli a condannare le azioni della Russia.

Pechino non è sola; India, Vietnam e Sud Africa sono tra le oltre 30 nazioni ad aver mantenuto una posizione neutrale. La posizione cinese è che la diplomazia e i negoziati sono il modo migliore per risolvere una controversia e le sanzioni sono inefficaci o applicate a scopo di lucro. Un certo numero di governi ritiene inoltre che la crisi sia il risultato degli sforzi guidati dagli Stati Uniti per minare la sicurezza della Russia attraverso l’alleanza Nato. 

Ma ciò non significa che Pechino sia stata oziosa nel cercare la pace in Ucraina. La Cina è il principale partner commerciale del paese e Kiev ha aderito al suo programma infrastrutturale Belt and Road Initiative. Sebbene non siano stati forniti dettagli specifici, i media statali cinesi hanno riferito che Pechino sta “facendo del suo meglio” “facendo sforzi incessanti per disinnescare le tensioni e lavorando attivamente per promuovere il dialogo”.
Ha anche inviato milioni di dollari di aiuti umanitari all’Ucraina, inclusi cibo, medicine, latte artificiale e sacchi a pelo.
- Advertisement -

Mentre gli Stati Uniti e altri paesi occidentali hanno fornito tale aiuto, hanno anche inviato armi. Insieme alle sanzioni, le azioni stanno solo prolungando la guerra, la miseria di coloro che sono coinvolti nei combattimenti ed erodendo gli sforzi di mediazione. Zelensky vuole l’aiuto della Cina e probabilmente nessun’altra nazione ha così tanta influenza su Mosca. Ma una mediazione riuscita non può venire dalla forza, dalle minacce o dalla punizione; richiede un’abile mano diplomatica e circostanze particolari.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati