Dati Covid in tempo Reale

All countries
240,190,120
Confermati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
215,766,611
Ricoverati
Updated on 14 October 2021 18:56
All countries
4,893,211
Morti
Updated on 14 October 2021 18:56

Usa. Generali smentiscono Biden. Gli consigliarono di mantenere 2.500 soldati in Afghanistan

- Advertisement -
AgenPress – In un’audizione televisiva del Comitato per i servizi armati del Senato degli Stati Uniti con Milley, il comandante del CENTCOM, il generale Kenneth McKenzie, e il segretario alla Difesa Lloyd Austin – lui stesso un generale a quattro stelle in pensione ed ex comandante del CENTCOM hanno affermato di aver consigliato all’amministrazione Biden che, a meno che gli Stati Uniti non avessero mantenuto 2.500 soldati in Afghanistan, l’esercito afghano sarebbe crollato. Hanno anche detto che il comandante di terra in Afghanistan, il generale Austin “Scott” Miller, ha fornito lo stesso consiglio .
Ciò contraddice chiaramente ciò che il mese scorso il presidente Biden ha detto  che l’esercito americano non gli aveva consigliato di mantenere 2.500 soldati in Afghanistan.
- Advertisement -

Il generale McKenzie, che come capo del comando centrale degli Stati Uniti ha supervisionato il ritiro dall’Afghanistan, ha dichiarato, sotto interrogatorio dei senatori repubblicani, di aver raccomandato di mantenere una piccola forza di 2.500 soldati in Afghanistan.

Ciò sembra contraddire l’affermazione del presidente Joe Biden a un giornalista della ABC il 19 agosto secondo cui non ricordava nessuno che gli avesse dato tale consiglio.

Il generale Milley ha detto di essere d’accordo con la raccomandazione, ma quando gli è stato chiesto dal repubblicano dell’Alaska Dan Sullivan se i commenti di Biden fossero “una falsa dichiarazione”, si è rifiutato di dare una risposta diretta.

In risposta a una domanda di un senatore, il generale Milley ha ammesso che il ritiro improvviso e completo degli Stati Uniti ha “danneggiato” la credibilità degli Stati Uniti nel mondo.
Milley ha anche affermato che sia l’amministrazione Trump che quella Biden hanno commesso un errore inserendo date specifiche sul ritiro degli Stati Uniti piuttosto che renderlo un ritiro basato su condizioni.
In relazione a ciò, McKenzie e Austin hanno entrambi concordato sul fatto che l’ accordo di Doha con i talebani negoziato dall’amministrazione Trump e firmato nel febbraio 2020 e che ha stabilito la tempistica per un ritiro totale degli Stati Uniti, ha significativamente ridotto il morale dell’esercito afghano.
Milley ha incolpato la comunità dell’intelligence statunitense per aver perso “la portata e la portata, oltre alla velocità” del crollo del governo afghano, testimoniando: “Tutte le valutazioni dell’intelligence, tutti noi abbiamo sbagliato. Non c’è dubbio. È stata un’oscillazione e una mancanza nella valutazione dell’intelligence di 11 giorni ad agosto, non c’è nessuno che l’abbia chiamato”.

Successivamente la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha affrontato la questione.

“Il presidente apprezza il consiglio schietto di… capi congiunti e militari”, ha detto. “Ciò non significa che sia sempre d’accordo.”

Ha detto che se le truppe fossero rimaste nel paese dopo la scadenza di agosto, gli Stati Uniti sarebbero ora in guerra con i talebani.

Durante un’intervista di agosto, Biden ha insistito sul fatto che non c’erano generali che lo esortassero a mantenere alcune truppe statunitensi in Afghanistan per impedire una presa del potere da parte dei talebani. Sia il Gen Milley che il Gen McKenzie hanno affermato di ritenere che quelle truppe fossero necessarie e, a un certo punto, quest’ultimo ha affermato di averlo detto al presidente.

Infine, entrambi i generali hanno affermato con fermezza che al-Qaeda è ancora presente in Afghanistan, contraddicendo direttamente la precedente dichiarazione di Biden secondo cui l’organizzazione terroristica era stata sradicata.

Altre News

Articoli Correlati