Coronavirus. Cina. Docente “prelevato” dalla polizia per aver criticato il Partito Comunista

1810
Zhang Xuezhong, costituzionalista docente presso la East China University of Political Science and Law fino al 2013

Agenpress – Zhang Xuezhong, costituzionalista docente presso la East China University of Political Science and Law fino al 2013, è stato portato via dalle autorità cinesi dopo aver scritto una lettera aperta ai rappresentanti della legislatura del paese, criticando il modo in cui il governo ha gestito l’ epidemia di coronavirus e chiedendo la libertà di espressione, e il  rilascio dei prigionieri politici.

Zhang Xuezhong è stato portato via  dalla sua casa di Shanghai domenica notte, secondo diverse fonti. La sua lettera, pubblicata su WeChat sabato e indirizzata ai deputati del

Congresso nazionale del popolo (NPC), è stato ampiamente diffuso online mentre la Cina si prepara a convocare le sue sessioni parlamentari più importanti in meno di due settimane.

“È stato portato via domenica sera. Tre auto della polizia sono venute a casa sua ”, ha dichiarato Wen Kejian, analista politico indipendente e amico intimo di Zhang.

Un altro degli amici di Zhang, che ha richiesto l’anonimato a causa della delicatezza della questione, ha anche confermato che Zhang era stato preso. Ha detto: “È preparato mentalmente dopo la sua lettera aperta”.

Nel suo post su WeChat, Zhang, 43 anni, ha scritto accanto alla sua lettera allegata: “Il modo migliore per lottare per la libertà di espressione è che tutti parlino come se avessimo già la libertà di parola”.

Molteplici chiamate al cellulare di Zhang e messaggi al suo account WeChat da parte del South China Morning Post non hanno avuto risposta. Anche le chiamate all’ufficio di polizia municipale di Shanghai sono state senza risposta.

Nella sua lettera fortemente formulata, Zhang – un collaboratore regolare di giornali esteri e un noto critico del sistema politico e giuridico cinese – affermava che in assenza di una costituzione moderna, il governo cinese era molto arretrato e “lo scoppio e la diffusione di l’epidemia di Covid-19 è una buona illustrazione del problema ”.

“Era mentalmente preparato”, ha ammesso un suo amico. Nella lettera postata su WeChat e rivolta ai deputati del Congresso nazionale del Popolo, il parlamento cinese che si riunirà a Pechino dal 22 maggio, Zhang ha chiesto di trasformare l’assemblea in “autorità transitoria” per creare una commissione largamente rappresentativa della società cinese che si occupi di scrivere una Costituzione in linea con “moderni principi politici”, tra cui quello che nessun partito politico diventi una istituzione pubblica, come per il Partito comunista cinese (Pcc).

Zhang ha condannato le sanzioni inflitte ai medici che per primi lanciarono l’allarme sul virus, tra cui l’oftalmologo 34enne Li Wenliang, scomparso a febbraio a causa del Covid-19, e riabilitato come “martire” dopo la sua morte; mancanza di consigli medici indipendenti ai cittadini; la carenza di media indipendenti che abbiano indagato sull’epidemia. La gestione dell’epidemia “dimostra solo che lo stretto controllo a lungo termine del governo sulla società e le persone ha quasi completamente distrutto l’organizzazione e la capacità di fare da sé della società cinese”.

Dalla sua prima segnalazione a Wuhan alla fine di dicembre, il coronavirus ha infettato oltre 4,1 milioni di persone in tutto il mondo, uccidendo oltre 282.000.

Dr. Li Wenliang
Dr. Li Wenliang

In precedenza erano state invitate a chiedere la libertà di parola a febbraio in seguito alla morte del dottor Li Wenliang , che a dicembre aveva avvisato i colleghi della malattia simile alla polmonite a Wuhan e che era una delle otto persone colpite dalla polizia del paese comunista per “diffusione voci “.

Li, a cui era richiesto di firmare un documento in cui prometteva di “rimanere in linea con il pensiero e l’azione” con il Partito Comunista, in seguito morì a causa del coronavirus.

Zhang ha detto nella sua lettera: “Ventidue giorni prima del [blocco per contenere lo scoppio] in città, Wuhan stava ancora indagando e punendo i cittadini che avevano rivelato l’epidemia, incluso il dottor Li Wenliang … mostrando quanto fosse stretta e arbitraria la repressione del governo della società”.