Open Arms. Salvini, “Conte complice di un reato che non esisteva. Supercazzole di Renzi”

407

AgenPress –  “Il premier era perfettamente complice di un reato che non esisteva”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando nell’aula di Palazzo Madama

“Andrò fino in fondo senza chiedere aiutini a nessuno. Noi alle idee contrapponiamo altre idee non tribunali politici, l’unico tribunale è quello del voto. Ringrazio chi mi manda a processo, perché mi fa un regalo: ci vado a testa alta e con la schiena dritta”, ha detto ancora. “Questa è una nave pirata. Se c’è qualcuno che ha messo a rischio le persone è il suo comandante, non il ministro dell’Interno”.

“Ringrazio il governo per la sua abbondante presenza ma se la forma è sostanza i banchi vuoti dimostrano il rispetto di quest’Aula”.

“Sono assolutamente tranquillo perché ritengo di aver difeso i confini, la sicurezza, l’onore e la dignità del mio Paese. I dati degli sbarchi ci dicono che sono arrivati più di mille clandestini negli ultimi tre giorni, quindi l’emergenza sociale, sanitaria ed economica si sta complicando ed è surreale andare a processo per aver bloccato lo sbarco di una nave spagnola che ha raccolto immigrati in acque libiche e maltesi, si è rifiutata di andare a Malta e in Spagna, ha fatto rotta verso l’Italia, che non c’entrava assolutamente un accidente, e li abbiamo fermati prima che l’Europa decidesse di redistribuire coloro che c’erano a bordo ed è sequestro di persona. Rischierei quindici anni di carcere per aver difeso il mio Paese. Sono felice, orgoglioso e contento”.

“Sono probabilmente l’unico politico che se va a processo non ha nessuna altra preoccupazione – ha aggiunto Salvini -, perché gli altri se vanno a processo di solito è perché hanno grattato qualcosa. È evidente che c’è un attacco contro la Lega che passa da Fontana, che regala i camici ai medici, a Salvini che blocca gli sbarchi. Hanno trovato il movimento politico sbagliato e la persona sbagliata se vogliono intimorirmi o fermarmi. Mi autodenuncio, se gli italiani mi rimanderanno al Governo, cosa che prima o poi accadrà, rifarò esattamente la stessa cosa, perché i confini di un Paese sono sacri”.

“Noto il silenzio dei Cinque Stelle, meglio delle supercazzole di Renzi. Vedo che ha come modello De Gasperi ma si comporta come uno Scilipoti qualsiasi”.