L’ opinione di Roberto Napoletano. L’Europa per vincere punta a Sud

Se non torna a contare nel Mediterraneo l'Italia non esiste più. A Bruxelles sono preoccupati dal fronte interno composto dalla Sinistra Padronale del Pd emiliano-toscano e dalla Destra sovranista lombardo-veneta che non vogliono mollare il tesoro pubblico assistenziale indebitamente sottratto da anni alle risorse destinate allo sviluppo del Mezzogiorno. Solo un progetto integrato di infrastrutture nei territori meridionali può salvare l’Italia intera e ridare all’Europa il suo primato

541
Roberto Napoletano Direttore del Quotidiano del Sud e l'Altravoce dell'Italia

AgenPress – Non c’è una sola istituzione europea che non abbia fatto sentire la sua voce. Dicono tutte insieme la stessa cosa e, questa volta, la dicono anche con forza e chiarezza. Parlano all’Italia, ma in realtà si rivolgono alle classi dirigenti del Nord. Sono preoccupate di questo fronte interno “olandese-austriaco” composto dalla Sinistra Padronale del Pd emiliano-romagnolo e toscano e dalla Destra sovranista lombardo-veneta delle mille rendite sanitarie, sociali e infrastrutturali che non vogliono mollare il tesoro pubblico assistenziale che indebitamente sottraggono alle risorse destinate a fare infrastrutture di sviluppo nel Mezzogiorno da almeno dieci anni. Lo fanno attraverso un uso distorto del federalismo fiscale grazie al potere dirompente assicurato dal dominio territoriale esercitato nella Conferenza Stato-Regioni secondo le regole del più miope esercizio di potere.

Per leggere la versione integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

https://www.quotidianodelsud.it/laltravoce-dellitalia/gli-editoriali/politica/2020/08/02/leditoriale-di-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-leuropa-per-vincere-punta-a-sud/