Bce. Aggressione ingiustificata della Russia in Ucraina rappresenta un persistente freno alla crescita

- Advertisement -

AgenPress – L’inflazione è ulteriormente aumentata all’8,6% a giugno. L’aumento dei prezzi dell’energia è stato ancora una volta la componente più importante dell’inflazione complessiva. Gli indicatori di mercato suggeriscono che i prezzi globali dell’energia rimarranno elevati nel breve termine. Anche l’inflazione alimentare è aumentata ulteriormente, attestandosi all’8,9% a giugno, riflettendo in parte l’importanza di Ucraina e Russia come produttori di beni agricoli.

Lo scrive la Bce nel Bollettino economico, notando che “l’aggressione ingiustificata della Russia verso l’Ucraina rappresenta un persistente freno alla crescita” e “l’impatto dell’elevata inflazione sul potere d’acquisto, i perduranti vincoli dal lato dell’offerta e la maggiore incertezza esercitano un effetto frenante sull’economia”.

- Advertisement -

L’inflazione elevata, le strozzature all’offerta e l’incertezza “stanno gettando più di un’ombra sulle prospettive per la seconda metà del 2022 e oltre”.

Anche le persistenti strozzature nell’offerta di beni industriali e la ripresa della domanda, soprattutto nel settore dei servizi, stanno contribuendo agli alti tassi di inflazione attuali. Le pressioni sui prezzi si stanno diffondendo in un numero sempre maggiore di settori, in parte a causa dell’impatto indiretto degli elevati costi energetici sull’intera economia. Di conseguenza, la maggior parte delle misure dell’inflazione sottostante è ulteriormente aumentata.

Il Consiglio direttivo prevede che l’inflazione rimarrà indesideratamente alta per qualche tempo, a causa delle continue pressioni sui prezzi dell’energia e dei generi alimentari e delle pressioni sugli oleodotti nella catena dei prezzi. Le maggiori pressioni inflazionistiche derivano anche dal deprezzamento del tasso di cambio dell’euro. Ma guardando più avanti, in assenza di nuove perturbazioni, i costi energetici dovrebbero stabilizzarsi e le strozzature nell’approvvigionamento dovrebbero allentarsi, il che, insieme alla normalizzazione delle politiche in corso, dovrebbe favorire il ritorno dell’inflazione all’obiettivo del Consiglio direttivo.

- Advertisement -

Il mercato del lavoro resta forte. La disoccupazione è scesa a un minimo storico del 6,6% a maggio. Le offerte di lavoro in molti settori mostrano che c’è una forte domanda di lavoro. La crescita salariale, anche secondo gli indicatori previsionali, ha continuato a crescere gradualmente negli ultimi mesi, ma resta tuttora contenuta. Nel tempo, il rafforzamento dell’economia e alcuni effetti di recupero dovrebbero favorire una crescita più rapida dei salari. La maggior parte delle misure delle aspettative di inflazione a più lungo termine si attesta attualmente intorno al 2%, sebbene le recenti revisioni al di sopra dell’obiettivo di alcuni indicatori giustifichino un monitoraggio continuo.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati