Bce. Rallentata attività economica nelle principali economie avanzate. Cina in crescita

- Advertisement -

AgenPress – “L’attività economica è rallentata nelle principali economie avanzate dall’ultima riunione del Consiglio direttivo di giugno. Negli Stati Uniti, la spesa per consumi a maggio ha sorpreso in modo significativo al ribasso, mentre continuano a esserci solidi guadagni in termini di occupazione. I rischi al ribasso per le prospettive degli Stati Uniti sono complessivamente aumentati. I dati sull’attività per il Regno Unito hanno sorpreso al ribasso e la fiducia dei consumatori è scesa a un minimo storico”.

Lo scrive la BCE nel suo Bollettino Economico.

- Advertisement -

“La crescita in Cina si sta riprendendo dopo che il Paese è uscito dall’ultima ondata di pandemia, ma rimane debole. Nel frattempo, l’inflazione nelle principali economie avanzate continua a crescere, con aumenti mensili elevati, e si sta diffondendo sempre più nel settore dei servizi. Dalla riunione del Consiglio direttivo di giugno, i prezzi del petrolio sono diminuiti di circa il 14% poiché i maggiori rischi di rallentamento economico superano le interruzioni dell’offerta.

L’attività economica dell’area dell’euro sta rallentando. L’aggressione ingiustificata della Russia nei confronti dell’Ucraina è un freno continuo alla crescita. L’impatto dell’elevata inflazione sul potere d’acquisto, i continui vincoli di offerta e la maggiore incertezza stanno avendo un effetto frenante sull’economia. Le aziende continuano a dover far fronte a costi più elevati e interruzioni nelle loro catene di approvvigionamento, sebbene vi siano timidi segnali di allentamento di alcuni colli di bottiglia dell’offerta. Nel loro insieme, questi fattori stanno offuscando significativamente le prospettive per la seconda metà del 2022 e oltre.

Allo stesso tempo, l’attività economica continua a beneficiare della riapertura dell’economia, di un forte sostegno al mercato del lavoro e alla politica fiscale. In particolare, la piena riapertura dell’economia sta sostenendo la spesa nel settore dei servizi. Poiché le persone ricominciano a viaggiare, si prevede che il turismo aiuterà l’economia nel terzo trimestre di quest’anno. I consumi sono sostenuti dai risparmi che le famiglie hanno accumulato durante la pandemia e da un forte mercato del lavoro.

- Advertisement -

La politica fiscale sta aiutando ad attutire l’impatto della guerra in Ucraina per coloro che subiscono il peso maggiore dell’aumento dei prezzi dell’energia. Le misure temporanee e mirate dovrebbero essere adattate in modo da limitare il rischio di alimentare pressioni inflazionistiche. Le politiche fiscali in tutti i paesi dovrebbero mirare a preservare la sostenibilità del debito, nonché ad aumentare il potenziale di crescita in modo sostenibile per favorire la ripresa”.

 

 

 

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati