Lettonia. Presidente: “il genocidio di Putin in Ucraina. La Russia è una minaccia per tutti, è un nemico”

- Advertisement -

AgenPress – “Abbiamo già registrato più di 30.000 sfollati dall’Ucraina. In Lettonia è stata adottata una legge speciale sul sostegno dei rifugiati ucraini, che prevede forme speciali di sostegno. In particolare, viene fornita assistenza finanziaria ai rifugiati ed è simile a quella ricevuta dai cittadini lettoni. Ciò include sia un pagamento una tantum quando una persona è appena arrivata nel paese sia un’indennità mensile regolare, che è molto simile a quella offerta ai cittadini lettoni se non hanno reddito”.

Così  Egils Levits presidente della Lettonia in una intervista a Ukrinform. 

- Advertisement -

“Questa legge prevede anche che non sia richiesto un permesso di lavoro separato: una persona può iniziare a lavorare immediatamente. Allo stesso tempo, va tenuto conto della carenza di manodopera in Lettonia. In realtà, il problema non è la disoccupazione, ma la mancanza di lavoratori: è diventato più difficile per le imprese trovare dipendenti. Quindi non è difficile per chi ha voglia e capacità di lavorare trovarsi un lavoro”.

“La Lettonia ha già fornito aiuti alla difesa per un importo di circa 250 milioni di EUR. Questo è circa un terzo del nostro budget per la difesa quest’anno. Se contate in base alla quota rispetto al prodotto interno lordo, tra le altre nazioni, Lettonia ed Estonia forniscono all’Ucraina l’aiuto maggiore, circa lo 0,8% del PIL. Dovrei chiarire che si tratta di assistenza alla difesa. Gli aiuti ai rifugiati sono conteggiati separatamente. Inoltre, i grandi aiuti umanitari sono forniti principalmente da organizzazioni non governative. Ma la maggior quantità di aiuti è l’assistenza alla difesa. Nell’elenco dei donatori militari, la Lettonia, nonostante sia una piccola nazione, è in cima alla lista in termini di capacità. [In termini assoluti] gli USA hanno dato di più (25 miliardi), poi la Gran Bretagna (2,5 miliardi di euro, la Polonia (1,8 miliardi), la Germania (1,4 miliardi), la Norvegia (0,5 miliardi)”.

“La scorsa settimana ho partecipato al vertice della NATO a Madrid. La guerra è già in corso da quattro mesi. E gli alleati, i paesi democratici, hanno capito che sarebbe stata una guerra a lungo termine. Ciò è riconosciuto anche nei documenti adottati a Madrid, compreso il nuovo concetto della NATO. Afferma che la Russia è il principale nemico dell’Alleanza. Questo è un concetto davvero nuovo, da cui deriva la comprensione che l’Ucraina ha bisogno di un aiuto a lungo termine, principalmente in senso militare, oltre che economico.

- Advertisement -

“Allo stesso tempo, c’è una questione importante degli atteggiamenti pubblici nei paesi occidentali, poiché le difficoltà di natura economica e quelle in campo energetico sono sorte o stanno emergendo. Questa sarà una certa sfida per la solidarietà [delle democrazie] con l’Ucraina. Un punto positivo è che le principali forze politiche occidentali capiscono che l’Ucraina avrà bisogno di assistenza a lungo termine e allo stesso tempo sono solidali. Tuttavia, in ogni paese ci sono forze populiste e in ogni paese negheranno la necessità di aiutare l’Ucraina. Ma, fortunatamente, sono in minoranza, quindi non determinano le politiche dei loro paesi”.

“Posso fornire una valutazione giuridica e politica: ci sono prove che la Russia stia effettivamente commettendo un genocidio in Ucraina. Inoltre, i parlamenti di tutte le nazioni baltiche hanno deciso che in Ucraina è attualmente in corso un genocidio. Il Canada ha preso una decisione simile. Forse la Polonia e alcuni altri paesi faranno lo stesso. Per quanto riguarda gli aspetti legali, esiste una Corte internazionale di giustizia (la Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite all’Aia, – ndr). Tuttavia, in senso procedurale, l’esame di questa questione esula dalla sua giurisdizione. Attualmente, Kiev ha presentato una denuncia: l’Ucraina accusa la Russia di aver commesso un genocidio, mentre accusa l’Ucraina di averlo commesso nel Donbas. E questa è una violazione della Convenzione sul genocidio”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati