Mosca. Separatisti filo russi, bombardamenti ucraini hanno ucciso 40 prigionieri di guerra e 130 feriti

- Advertisement -

AgenPress – Almeno 40 prigionieri di guerra ucraini catturati durante i combattimenti per Mariupol sono stati uccisi dai bombardamenti ucraini, hanno affermato i separatisti sostenuti dalla Russia nell’Ucraina orientale.

Daniil Bezsonov, portavoce dei separatisti sostenuti dalla Russia nella regione di Donetsk, ha affermato che almeno 40 prigionieri di guerra ucraini sono stati uccisi e 130 feriti venerdì quando i bombardamenti ucraini hanno colpito una prigione nella città di Olenivka.

- Advertisement -

Non vi è stato alcun commento immediato da parte delle autorità ucraine al rapporto.

Le truppe ucraine sono state fatte prigioniere dopo i combattimenti per il porto ucraino di Mariupol sul Mar d’Azov, dove si sono nascoste per mesi presso la gigantesca acciaieria Azovstal.

Il reggimento Azov e altre unità ucraine hanno difeso l’acciaieria per quasi tre mesi, aggrappandosi al suo labirinto sotterraneo di tunnel. Si arresero a maggio sotto gli implacabili attacchi russi da terra, mare e aria.

- Advertisement -

Decine di soldati ucraini sono stati poi portati in prigioni nelle aree controllate dalla Russia come la regione di Donetsk, un’area separatista nell’Ucraina orientale gestita dalle autorità separatiste sostenute dalla Russia.

Il sindaco della città Ihor Terekhov ha detto che è stata colpita una parte centrale della città nord-orientale, tra cui un edificio a due piani e un istituto di istruzione superiore. Terekhov ha detto che lo sciopero è avvenuto poco dopo le 4 del mattino di venerdì.

“Il servizio di emergenza statale sta già lavorando: stanno smistando le macerie, cercando persone sotto di loro”, ha detto Terekhov in un aggiornamento di Telegram.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati