Russia. Proibiti eventi a sostegno di Navalny. Mosca ignora appelli sulla liberazione

85

AgenPress  – “Gli eventi pubblici a Mosca sono limitati per il periodo della pandemia in conformità con l’ordine del sindaco del 10 novembre 2020. Il divieto può essere revocato con un ordine separato”, ha dichiarato a Interfax una fonte vicina all’amministrazione comunale.

Il Partito Libertario (non registrato) ha detto in precedenza di aver presentato all’amministrazione comunale una richiesta di organizzare un raduno a sostegno della Navalny il 31 gennaio. I sostenitori di Navalny hanno anche in programma di organizzare altri eventi a suo sostegno.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha riferito che Mosca  non prenderà in considerazione le sollecitazioni giunte da vari Paesi stranieri per il rilascio di Alexey Navalny dato che si tratta di “un affare interno della Russia”.

“Abbiamo notato queste affermazioni, ma in questo caso non possiamo e non vogliamo prenderle in considerazione”, ha detto Peskov. Il portavoce ha sottolineato che si tratta “assolutamente di un affare interno” e che Mosca “non permetterà a nessuno di intromettersi”. “Non abbiamo intenzione di prendere nota di tali dichiarazioni”, ha concluso Peskov. Mosca è interessata alle buone relazioni con gli altri Paesi, ha aggiunto. “Siamo ancora interessati a buone relazioni che non dipendano in alcun modo dai singoli individui”.

Il Cremlino non teme le manifestazioni a sostegno di Alexey Navalny ma ritiene che tali appelli debbano essere analizzati dal punto di vista legale, ha detto ancora  aggiungendo che il Cremlino è rimasto “turbato” dalla richiesta di Navalny d’inscenare proteste “illegali” dopo che ieri gli è stato ordinato di stare in carcere per 30 giorni.