Dati Covid in tempo Reale

All countries
158,850,331
Confermati
Updated on 9 May 2021 19:25
All countries
137,246,477
Ricoverati
Updated on 9 May 2021 19:25
All countries
3,303,835
Morti
Updated on 9 May 2021 19:25
spot_img

Bonelli (Verdi): “In Commissione bilancio quatti quatti hanno prorogato la concessione dell’Aeroporto di Fiumicino ad Atlantia”

AgenPress. Angelo Bonelli, coordinatore nazionale dei Verdi, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Sulla gestione dell’aeroporto di Fiumicino da parte di Atlantia. “Tre giorni fa, presso la Commissione bilancio della Camera, quatti quatti è stato applicato un emendamento che prevede la proroga di ulteriori 2 anni che scadeva nel 2044 –ha affermato Bonelli-. La motivazione è l’emergenza sociale derivante dal Covid.

In realtà è soltanto un regalo di Stato. Nessun parlamentare sta dicendo nulla sul fatto che la finanziaria di Aeroporti di Roma che è controllata da Atlantia per il 99,38%, ha chiuso l’anno finanziario con ricavi di oltre 1 miliardo e di concessioni allo Stato paga 36 milioni di euro. Il 28 ottobre 2019 il Ministero dell’Ambiente ha bocciato l’ampliamento di 1300 ettari dell’Aeroporto di Roma nei terreni che sono di proprietà della Maccarese spa, di proprietà di Andrea Benetton. Questo governo, con grande ipocrisia, sta aprendo un confronto sulle concessioni ad Aspi.

Mi pare che ci sia un atteggiamento da gattopardismo allo stato puro, dire di cambiare tutto per non cambiare nulla. Chiedo a Conte la ragione per la quale non viene aumentato il canone per la concessione degli aeroporti di Roma, l’ampliamento dell’Aeroporto ora è diventata una priorità dopo che nel 2019 è stato bocciato, cosa è cambiato in questi mesi? Io sto lavorando ad un esposto alla Corte europea. Calenda? E’ arrivato adesso a fare la battaglia sui canoni. Come mai non l’ha fatta quando era ministro?”.

Su Autostrade. “Conte rilascia sempre tante dichiarazioni dure. Ricordo la foto di Conte e Salvini insieme in cui presentavano i decreti sicurezza e oggi Conte attacca quei decreti che sono ancora là. E’ come nel film “Zelig” di Woody Allen, in cui il protagonista cambiava fisionomia a seconda dell’ambiente in cui si trovava”.

spot_imgspot_img
spot_img

Altre News

Articoli Correlati