Dati Covid in tempo Reale

All countries
194,749,859
Confermati
Updated on 25 July 2021 21:49
All countries
174,971,786
Ricoverati
Updated on 25 July 2021 21:49
All countries
4,173,561
Morti
Updated on 25 July 2021 21:49

Isis minaccia Roma e Di Maio, dopo vertice su Stato Islamico. 007 italiani: “Rischi dai lupi solitari”

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Dopo il vertice della coalizione anti-Isis a Roma, un editoriale del settimanale Al Naba, rivista dello Stato Islamico, prende di mira il ministro Luigi Di Maio (che ha copresieduto l’incontro con il segretario di Stato Usa Antony Blinken) e il nostro Paese. “I crociati e i loro alleati si incontrano nella Roma crociata”, scrive la rivista, annunciando che a Roma “entreremo senza false promesse”.

“Stiamo lavorando con grande determinazione per tutelare la sicurezza dei nostri cittadini, fermare i flussi migratori irregolari e bloccare i trafficanti di esseri umani”, ha scritto su Facebook il ministro Luigi Di Maio. “Non saranno le minacce a fermare l’azione dell’Italia nella lotta al terrorismo. E lo stiamo dimostrando con i fatti. Il nostro è un grande Paese, forte e coeso, e la vicinanza che mi avete dimostrato ne è l’ennesima testimonianza. Andiamo avanti uniti”.

 “Roma si trova ancora nella lista dei principali obiettivi dell’Isis e i timori” del governo italiano sulla presenza dello Stato islamico in Africa “sono giustificati”, si legge ancora nella rivista. “Il principale e più importante dossier sul tavolo dell’alleanza dei crociati a Roma è la regione dell’Africa e del Sahel: il ministro degli Esteri italiano ha ammesso come non sia sufficiente combattere lo Stato Islamico in Iraq e in Siria, ma occorre guardare ad altre regioni in cui è presente, e sostiene che l’espansione dello Stato Islamico in Africa e nel Sahel è fonte di preoccupazione e proteggere le coste dell’Europa significa proteggere l’Europa”, si legge nell’articolo.

Le minacce all’Italia riportate da al-Daba, organo propagandistico dell’Isis, non rappresentano una novità. Ma vengono attentamente vagliate dalla nostra intelligence secondo cui da un lato, aumentano il livello di rischio per i connazionali e per gli interessi italiani che si trovano nelle aree dove agiscono gli estremisti dell’Isis e, dall’altro, potrebbero ‘attivare’ qualche lupo solitario presente nel nostro Paese.

 

Altre News

Articoli Correlati