Ex Ilva, Pastorino (Leu): Serve soluzione equilibrata, no licenziamenti e rispetto ambiente

428

Agenpress. “La situazione dello stabilimento di ArcelorMittal, l’ex Ilva di Taranto, deve essere valutata con attenzione. Merita uno studio scrupoloso, perché serve una soluzione equilibrata per scongiurare la perdita di posti di lavoro e garantire la salvaguardia dell’ambiente.

La decisione del governo sulla revoca dell’immunità penale per i manager, che ha ovviamente una sua ragionevole ratio, non può avere ricadute sui dipendenti di una fabbrica che viene già da anni molto difficili. Anche se su un punto serve fermezza: l’azienda deve rispettare gli standard ambientali fissati. Non è più accettabile che la città venga avvelenata in una sfida tra salute e lavoro”.

Lo dichiara il deputato di èViva, Luca Pastorino, segretario di presidenza alla Camera per Leu.

“L’eventuale licenziamento di lavoratori – aggiunge Pastorino – sarebbe una bomba sociale che esploderebbe in un territorio già con forti problemi. Taranto ha bisogno di investimenti, di grande attenzione rilancio, non ha bisogno di complicazioni. Per quanto riguarda il futuro ben vengano progetti come la decarbonizzazione. Purché a pagare il conto dell’innovazione non siano i tarantini”.