Francia. Sudanese uccide 2 persone e ne ferisce 4. Arrestato. Si indaga per terrorismo

469

Agenpress – Almeno due le persone morte, quattro quelle gravemente ferite, una ferita in modo leggero a Romans-sur-Isere, nel sud-est della Francia. Lo ha riferito Bfmtv, citando una fonte giudiziaria. Il presunto aggressore, un sudanese di 30 anni richiedente asilo, è stato fermato e la procura antiterrorismo per ora non è incaricata delle indagini, ma “resta in osservazione”.

L’assalitore che ha ucciso due persone e ne ha ferite altre 6 stamattina , ha gridato Allah Akbar colpendo le sue vittime, hanno testimoniato alcune persone intervistate dalla radio locale, France Bleu.

Secondo quanto si apprende, l’accoltellatore, un sudanese richiedente asilo, è entrato con un coltello in una tabaccheria, colpendo il titolare e successivamente la moglie che era accorsa in sua difesa. Poi è entrato in una macelleria e si è impadronito di un altro coltello, usandolo prima contro un cliente, poi attaccando in strada altre persone, fra le quali alcune in fila per il pane davanti a una boulangerie.

Sarà la procura nazionale antiterrorismo ad indagare.  L’ipotesi di reato è “omicidio plurimo legato a impresa terroristica”. I primi elementi dell’inchiesta – si apprende – “hanno mostrato un percorso omicida determinato” da parte dell’accoltellatore. Inoltre, nel corso di una perquisizione nella sua abitazione sono stati ritrovati “documenti manoscritti a connotazione religiosa in cui l’autore si lamenta, fra l’altro, di vivere in un paese di miscredenti”.
“Un atto efferato che semina lutto in un momento in cui la Francia è già messa a dura prova”, ha twittato Macron, promettendo piena luce. Dopo poche ore, il ministro dell’Interno Christophe Castaner è arrivato sul posto affermando senza pensarci troppo sopra che “quest’uomo ha avviato un percorso terrorista”.

Poi si è corretto, spiegando che spetterà alla Procura antiterrorismo pronunciarsi sul carattere terroristico del duplice omicidio, dei ferimenti, delle aggressioni.