Mosca. Putin ammette che le sanzioni occidentali potrebbero infliggere un duro colpo all’economia russa

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress – Il presidente Vladimir Putin ha ammesso che le sanzioni occidentali progettate per  privare il Cremlino di fondi  per la sua invasione dell’Ucraina potrebbero infliggere un duro colpo all’economia  russa .

“Le restrizioni illegittime imposte all’economia russa potrebbero effettivamente avere un impatto negativo su di essa a medio termine”, ha detto Putin in un discorso televisivo mercoledì riportato dall’agenzia di stampa statale  TASS .

È una rara ammissione del leader russo, che ha ripetutamente insistito sul fatto che l’economia russa rimane resiliente e che le sanzioni hanno danneggiato i paesi occidentali facendo salire l’inflazione ei prezzi dell’energia.

Putin ha affermato che l’economia russa è in crescita da luglio, grazie in parte ai legami più forti con “i paesi dell’est e del sud”, probabilmente riferendosi alla Cina e ad alcuni paesi africani. Ha anche sottolineato l’importanza della domanda interna per l’economia, affermando che sta diventando il principale motore della crescita.

L’economia russa ha mostrato una sorprendente resilienza alle sanzioni senza precedenti imposte dall’Occidente, compreso un divieto dell’UE sulla maggior parte delle  importazioni  di prodotti petroliferi. Stime preliminari del governo russo mostrano che la produzione economica è diminuita del 2,1% lo scorso anno, una contrazione più limitata di quanto inizialmente previsto da molti economisti.

Tuttavia, mentre la Cina ha gettato al Cremlino un’ancora  di salvezza economica  acquistando energia russa e fornendo un’alternativa al dollaro USA, cominciano a comparire delle crepe.

Le entrate del governo russo sono crollate del 35% a gennaio rispetto a un anno fa, mentre le spese sono aumentate del 59%, portando a un deficit di bilancio di circa 1.761 miliardi di rubli ($ 23,3 miliardi).

La Banca mondiale e l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico prevedono contrazioni rispettivamente del 3,3% e del 5,6% nel 2023. Il Fondo monetario internazionale si aspetta che la crescita della Russia rimanga stabile quest’anno, ma che l’economia si riduca di almeno il 7% a medio termine.

In risposta all’aggressione della Russia in Ucraina, i paesi occidentali hanno annunciato più di 11.300 sanzioni dall’invasione del febbraio 2022 e congelato circa 300 miliardi di dollari di riserve estere della Russia.

Un esplicito oligarca russo, Oleg Deripaska,  ha detto  all’inizio di questo mese che la Russia potrebbe ritrovarsi senza soldi già il prossimo anno.

- Advertisement -

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -

Ultime Notizie

- Advertisement -