Dati Covid in tempo Reale

All countries
267,252,563
Confermati
Updated on 7 December 2021 22:17
All countries
238,914,478
Ricoverati
Updated on 7 December 2021 22:17
All countries
5,284,820
Morti
Updated on 7 December 2021 22:17

Le buone pratiche Remind per il rilancio dell’Italia

- Advertisement -

SIMPOSIO

PREMIO INTERNAZIONALE BUONE PRATICHE


- Advertisement -

Il 23 Novembre 2021 presso lo Spazio Europa del Parlamento Europeo -Ufficio Italia sono stati consegnati gli attestati di merito per il Premio Internazionale Buone Pratiche.

I “Premi Internazionali Buone Pratiche” sono promossi da NewsRemind (www.NewsRemind.it www.filieraimmobiliareremind.it ) e dal Parlamento Europeo – Ufficio Italia (www.europarl.europa.eu/italy/it/) da novembre 2020 con l’intento di descrivere, approfondire e far emergere le iniziative più lodevoli, le esperienze guida, le “buone pratiche”, anche comportamentali, di professionisti, imprenditori, lavoratori, rappresentanti delle realtà civili, culturali e economiche e in generale di tutti coloro la cui esperienza ha effetti sulla nostra società interconnessa. Con lo scopo di individuare e diffondere le Best Practices è stato istituito l'”Osservatorio Internazionale Buone Pratiche – OIBP“.

A tal riguardo il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è rivolto a Paolo Crisafi definendo “Preziosa l’attività svolta a diffondere le buone pratiche”.

- Advertisement -

PREMIAZIONE

La consegna delle pergamene è stata a cura di Carlo Corazza (Rappresentante del Parlamento Europeo in Italia), Paolo Crisafi (Presidente Remind – NewsRemind), Franco Mencarelli (Presidente Osservatorio Internazionale Buone Pratiche – OIBP).

 

Da sinistra: Carlo Corazza (Direttore parlamento Europeo – Ufficio Italia), Giuseppe Chiné (Consigliere di Stato), Jean-Paul Fitoussi (Economista e Docente), Paolo Crisafi (Presidente Remind – NewsRemind) e Franco Mencarelli (Presidente Osservatorio Internazionale Buone Pratiche – OIBP)

PREMIO SEZIONE ECONOMIA

MOTIVAZIONE DEL PREMIO: Jean-Paul Fitoussi, Economista & Docente, da sempre impegnato a creare ponti e sinergie in Europa non solo mettendo al servizio della ricerca e della didattica la sua alta professionalità̀ ma assolvendo al ruolo di osservatore libero e attento alle dinamiche economiche europee. Sostenitore della linea svolta con grande intelligenza a capo della BCE da Mario Draghi, ha condiviso pienamente le politiche finalizzate al sostegno dell’area europea senza alcun Paese dominante. Acuto analista, libero da pregiudizi e ideologie, ha sempre anteposto la lucidità̀ delle sue intuizioni a qualsiasi interesse di parte confrontandosi con libertà e dinamismo con le problematiche più̀ profonde a livello economico.

Durante la premiazione Jean-Paul Fitoussi ha così dichiarato: “È un grande onore essere stati scelti per ricevere questo premio e ringrazio sinceramente il Parlamento Europeo Ufficio Italia, la Giuria e Paolo Crisafi per questo. Il nome del premio è un bel programma, perché in fondo ciò che conta in ogni lavoro, in tutte le relazioni sociali, sono le buone pratiche. Per l’economista, determinano la produttività del Paese. Per le relazioni sociali e politiche determinano la distanza tra il dire e il fare, cioè la fiducia che le persone hanno nelle loro istituzioni, e le persone in se stesse. Tutti gli studi hanno dimostrato che la fiducia è un elemento essenziale del benessere dei popoli, una delle principali determinanti del buon funzionamento del Paese. C’è tutto questo dietro la frase “buone pratiche”, e posso quindi apprezzare l’onore che mi è stato dato dalla consegna di questo premio

PREMIO SEZIONE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MOTIVAZIONE DEL PREMIO: Giuseppe Chiné, Consigliere di Stato, che ha ricoperto e ricopre tutt’ora importanti incarichi istituzionali, mettendo a disposizione del Paese la sua alta professionalità, con grande spirito di servizio e personalità.

Da anni punto di riferimento del Governo in Dicasteri strategici, ha saputo spaziare dai vari campi del diritto a quelli più istituzionali, con lucidità e alta preparazione, costituendo l’esempio di una classe dirigente pubblica matura e responsabile, capace di dare concretezza alle linee definite a livello governativo con grande spessore culturale e giuridico. Al momento è tra le menti più apprezzate per dare lungimiranza e attuazione ai piani di ripresa economica del Paese.

Durante la premiazione Giuseppe Chiné ha così dichiarato: “Nella mia carriera, sia nell’esercizio della professione di magistrato, sia di capo di Gabinetto di vari Ministeri, ho sempre cercato accanto al necessario riferimento giuridico, anche un contesto di valori a cui ispirare la mia azione, sempre nell’ottica di garantire l’interesse pubblico, come bene supremo a cui deve essere piegata l’attività di un civil servant. Sono onorato di ricevere questo riconoscimento, che mi conforta in ordine alla attività svolta in passato ma funge nel contempo da stimolo per il futuro. Il termine burocrazia non è sempre stato inteso in termini positivi, spesso è nella pratica corrente assimilato a ritardi e inadempienze della pubblica amministrazione. Occorre invece concepire una nuova dimensione che valorizzi il ruolo positivo di una classe dirigente amministrativa dinamica, al passo con le moderne tecnologie e capace di confrontarsi con la dimensione informatica, le banche dati, i processi automatizzati. Questo vuol dire ringiovanire la nostra cultura amministrativa e dare spazio alle istanze delle giovani generazioni, in linea con il rinnovamento proposto oggi. La mia formazione professionale ha come riferimento la Giustizia Amministrativa, e nello specifico il Consiglio di Stato, al cui ruolo appartengo, sia nella veste di organo giurisdizionale di ultimo grado, sia di laboratorio di approfondimento legislativo e giuridico nella sua dimensione consultiva. In tale contesto ho potuto confrontarmi con la necessità di diffondere buone pratiche in una dimensione più ampia, coincidente con quella delle pubbliche amministrazioni dello Stato, in linea con i più avanzati principi di una sana gestione degli interessi pubblici. 

Rinnovo quindi al Parlamento Europeo Ufficio Italia e al suo Direttore Carlo Corazza, a Remind e al suo presidente Paolo Crisafi e all’ Osservatorio Internazionale sulle Buone Pratiche presieduto da Franco Mencarelli i sensi della mia riconoscenza per questa attestazione di merito insieme all’impegno di continuare a creare sinergie e buone pratiche nell’assolvimento dei miei doveri istituzionali.

PREMIO SEZIONE INFORMAZIONE

MOTIVAZIONE DEL PREMIO: Michele Renzulli, Capo Redattore TG1 Economia, come riconoscimento per la capacità di rendere finalmente accessibili al grande pubblico i temi economici. A capo della redazione economica del TG1 Renzulli infatti non solo ha implementato i livelli di ascolto ma ha saputo condividere e diffondere in modo chiaro e incisivo tematiche complesse riscuotendo unanimi consensi. Il successo crescente dell’informazione economica ha permesso al grande pubblico di orientare con maturità le proprie scelte in un contesto non sempre facile, reso ancora più difficile dalla emergenza sanitaria. Michele Renzulli ha saputo confermare ai massimi livelli la tradizione di grande spessore professionale della RAI assicurando una informazione economica completa e attenta a tutte le problematiche attuali. 

PREMIO SEZIONE LA FORZA DELLA PREGHIERA

MOTIVAZIONE DEL PREMIO: Don Antonio Coluccia, Fondatore Opera Don Giustino, in quanto fondatore dell’Opera Don Giustino, impegnato nel quotidiano servizio ai più deboli e bisognosi, offre uno splendido esempio di Carità e di aiuto concreto a chi ha più necessità di aiuto e vicinanza.   Annuncia con coraggio lo spirito del Vangelo contro ogni atto di illegalità, traffico di droga, violenza, ricevendo minacce da parte della criminalità, ma continuando senza timore, anzi con rinnovata energia, la sua opera nella periferia della Capitale, al servizio delle persone, dei giovani, dei deboli, delle famiglie in difficoltà.

Esempio di testimonianza cristiana e di autentico spirito evangelico, accorre ovunque vi sia bisogno, offrendo a tutti noi una mirabile visione di un sacerdozio inteso come donazione totale agli altri e ai valori più autentici della nostra esistenza, illuminata dalla Fede.

Don Antonio Coluccia durante la premiazione ha così dichiarato: “Ringrazio Paolo Crisafi e la sua NewsRemind per avermi conferito questo premio “Il Coraggio della Preghiera” in collaborazione con il Parlamento Europeo Ufficio Italia e l’ OIBP. La preghiera diventa efficace quando viene fatta con fiducia. Credo che la L <<Laudato Si’>> sia un manifesto di annuncio e di denuncia di Papa Francesco che diventa una profezia, ossia un Papa che sa guardare oltre. E Noi abbiamo bisogno di questi profeti. Io sono qui, sto parlando nella mia stanza, in un locale confiscato alla Banda della Magliana. Una realtà di male che è stata trasformata nel bene, nel bene più totale, nell’accoglienza di ragazzi di strada. Ragazzi che alcune volte si sono macchiati di reati, ragazzi che sono state vittime della droga. Il mio impegno qui è annunciare “Cristo vita nuova”. Accompagnare i ragazzi con la regola delle 3 “P”: Pochi Piccoli Passi, sostenendoli, come fa un buon Padre. Standogli all’inizio accanto e poi come dice Gesù: “È lui che deve crescere ed io diminuire”.  Questo mio impegno è non solo in tutta Italia, ma soprattutto nella periferia nord-est di San Basilio in cui abbiamo un progetto, una palestra sociale, grazie anche a Roma Capitale e alle Fiamme Oro della Polizia di Stato.

Nei luoghi dello spaccio, laddove la Ndrangheta, Clan Albanesi e Clan Romani stanno assoggettando questi territori rubando la speranza ai ragazzi e a tutti i cittadini: come cittadino invoco l’articolo 3 della Costituzione “La Repubblica rimuove gli ostacoli”. Come Battezzato invece invoco il Vangelo che dice “La verità mi farà libero.” E come direbbe Don Pino Mazzolari “La Religione che non rischia diventa un cimitero”. 

PREMIO SEZIONE FORZE DELL’ORDINE

MOTIVAZIONE DEL PREMIO: Filiberto Mastrapasqua, Dirigete Superiore della Polizia di Stato, in quanto svolge il suo lavoro con spirito di servizio, animato da valori e contenuti al servizio della collettività. Non solo quindi repressione dei reati e mantenimento di adeguati livelli di sicurezza ma anche grande attenzione alle esigenze della gente, degli anziani, delle famiglie e in particolare dei giovani, delle loro problematiche. La sua testimonianza ha infatti animato anche incontri periodici con studenti e scuole per renderli maturi e consapevoli sulla strada di una sana crescita e prevenzione. Mastrapasqua ha offerto sempre occasioni di confronto e di scambio dando così concretezza al progetto di una Polizia inserita a pieno titolo nella società, tra la gente e per la gente. Il riconoscimento al suo servizio istituzionale vuole quindi premiare non solo la sua professionalità ma anche i valori umani e civili che hanno sempre guidato il suo operare al servizio delle Istituzioni e della nostra gente.

Durante la premiazione Filiberto Mastrapasqua ha così dichiarato: “Ringrazio il Parlamento Europeo UI, l’Osservatorio Internazionale Buone Pratiche e NewsRemind e anche la Polizia di Stato certo che le buone pratiche sono il nostro punto di riferimento essendo la nostra azione piuttosto operativa che agisce a 360 grandi non solo nel campo della repressione e prevenzione ma anche della vicinanza e prossimità, attraverso strategie di condivisione consultazione e compartecipazione”.

PREMIO ALLA CARRIERA – SEZIONE FORMAZIONE E CULTURA RE

MOTIVAZIONE DEL PREMIO: Oliviero Tronconi, Professore ordinario di Tecnologia dell’Architettura al Politecnico di Milano, si occupa di problemi legati all’innovazione gestionale e tecnologica del settore delle costruzioni/immobiliare ed è autore di numerose pubblicazioni a riguardo.

Su questi temi ha promosso e diretto diverse iniziative formative, attualmente attive, tra cui: il Master universitario del Politecnico di Milano “Real Estate Management: verso la gestione attiva”, il Master universitario “Real Estate” organizzato dal MIP Politecnico di Milano e SDA Bocconi, il Corso Executive in “Facility, Property and Asset Management” organizzato da MIP Politecnico di Milano e il Corso di Aggiornamento per operatori “Metodi, tecniche e strumenti professionali per il settore immobiliare”. Ha svolto ricerche finanziate dall’Unione Europea, Plan Construction, CNR, MURST e per Associazioni e Aziende pubbliche e private.

Oliviero Tronconi ha così dichiarato: “Sono onorato di aver ricevuto il premio internazionale alla carriera “Buone Pratiche 2021” organizzato dal Parlamento Europeo Italia e da News Remind. Ringrazio gli organizzatori, Carlo Corazza, Paolo Crisafi e Franco Mencarelli, per questo riconoscimento alla mia carriera di docente del Politecnico di Milano”.  

TAVOLA ROTONDA

Da sinistra: Patrizia Occhiato (Vice Presidente Sezione Aurea e Associazione Bosco Difesa Grande), Tommaso Accetta (Direttore Area ITC Remind), Barbara Casillo (Direttore Generale Aica), Luca Barbareschi (Direttore Artistico Teatro Eliseo)

Alla premiazione ha fatto seguito una tavola rotonda con Tommaso Accetta (Direttore Area ITC Remind) il quale ha dichiarato rispetto alla digitalizzazione come: “La Transizione digitale è uno dei pilastri fondamentali del PNRR, seconda per fondi solo alla transizione ecologica, e nonostante si configuri come uno dei motori per far ripartire il nostro Paese bisogna avere uno sguardo lungimirante che riesca, in maniera trasversale, a cogliere, oltre al significato meramente tecnico che oggi si offre a supporto della ripresa, quelle che potranno essere le sue future implicazioni.

 La cifra della cosiddetta “transizioni digitale” infatti non è meramente quella di dare vita ad una fase di grande cambiamento soprattutto dal punto di vista dei mezzi; ma, alla pari delle grandi rivoluzioni industriali e tecnologiche, ha l’onere – e l’onore – di abilitare e promuovere valori inediti, nuovi comportamenti ed innovativi assetti etici, culturali, politici, sociali, giuridici ed economici. Per questo motivo, l’unica concezione diffusa per cui la digitalizzazione viene concepita solo in virtù del suo significato tecnocentrico, pratico e contingente, prescindendo da prospettive più ampie che inquadrano tale fenomeno all’interno di un movimento molto più vasto, risulta essere riduttiva e compromettente, non all’altezza delle sfide che ci apprestiamo ad affrontare. Per tale motivo è necessario pensare a lungo e in maniera profonda i grandi mutamenti che avvengono nella nostra società”.

Luca Barbareschi (Direttore Artistico Teatro Eliseo) che ha proseguito: “Occorre riuscire a fare buone pratiche nella gestione dell’attività artistica valorizzando idee, energie, imprenditorialità e creando valore aggiunto. I giovani devono trovare un terreno di crescita nelle attività culturali perché sono la nostra speranza, il futuro. Oggi infatti mi sento, dopo tante esperienze, di dare, insegnare a loro buone pratiche, riportare la mia esperienza di vita artistica che da interprete e attore si è andata via trasformando verso nuove imprenditorialità e sperimentazioni mettendoci sempre tanta fiducia e tanto cuore.

Senza questi valori non si va da nessuna parte. Spesso mi chiedo come sia riuscito a realizzare cose che se le rivedo oggi mi sembrano impossibili: invece ci sono riuscito ma solo attraverso la forza interiore e la determinazione, la voglia di fare”.

Barbara Casillo (Direttore Generale Aica) che si è così espressa rispetto al Turismo: “Il Decreto PNRR Turismo è un primo passo importante da parte del Governo Draghi e del Ministro Massimo Garavaglia per sostenere le imprese e lo sviluppo del settore. 

Obiettivi ben centrati, misure ampie e articolate indispensabili per supportare competitività e crescita del settore alberghiero italiano anche se ad oggi restano ancora alcuni aspetti particolarmente rilevanti su cui riteniamo che si possa e debba intervenire. Interventi fondamentali per il rilancio di un comparto fortemente esposto alla concorrenza internazionale che devono avere come obiettivo lo stimolo agli investimenti destinati ad attività di ristrutturazione e riqualificazione. Un’occasione importante per l’immediato e per i prossimi anni, credito d’imposta all’80%, fondo perduto a 100 mila euro, contributo diretto al 35% e Tax Credit Alberghi sono misure utili e importanti ma è necessario ampliare gli stanziamenti per rispondere alle reali esigenze del settore”.

Antonio Marcellino (Top Manager dello Spettacolo e Presidente del Conservatorio Santa Cecilia in Roma) che ha fatto presente come: “In un momento in cui tutto il mondo dello spettacolo è stato profondamente colpito dalla pandemia, ho cercato di attivare nuovi progetti attraverso le numerose opportunità che le moderne tecnologie ci hanno messo a disposizione. La ripresa economica ‘in sicurezza’ di questo comparto dovrà essere attivata anche con ‘nuove’ e più mirate strategie di comunicazione, sempre nell’intento di valorizzare le competenze e le straordinarie professionalità presenti nel settore. Mai come adesso serve una forte sinergia tra istituzioni nazionali e internazionali. In questa prospettiva il Parlamento Europeo – Ufficio Italia potrà certamente rivestire un ruolo decisivo attraverso un coordinamento ‘strategico’ per la gestione attenta, oculata e intelligente delle straordinarie risorse che tra poco, grazie al PNRR, dovranno essere utilizzate”.

Patrizia Occhiato (Vice Presidente Sezione Aurea e Associazione Bosco Difesa Grande) che ha tenuto a sostenere come: “Sostenibilità, idea di sviluppo che permette di soddisfare i bisogni attuali senza compromettere la soddisfazione di quelli delle generazioni future. Come possiamo sostenerci? Come possiamo sostenere l’ambiente? Come possiamo sostenere le generazioni future? Attraverso il “non spreco”, non solo di risorse naturali ma anche umane. Con scienza e coscienza, con costanza e entusiasmo, con impegno e certezze.

Con le buone pratiche, che devono contraddistinguerci ogni giorno, contrastando le cattive pratiche. Nei piccoli gesti che diventano grandi, nel contrastare la povertà dell’io, perché è quando diventiamo noi che non ci preoccupiamo solo dei nostri problemi ma ci facciamo carico dell’altro. Se solo tutti agissimo con coscienza, quanto più bello sarebbe questo mondo, se tutti vivessimo con coscienza si investirebbe il tempo a migliorare quello che va, e non si sprecherebbe per contrastare quello che non va, preservando la bellezza, ed è proprio vero che la bellezza salva il mondo”.

Massimo Santucci (Direttore NewsRemind) ha dichiarato: “La nuova assegnazione dei Premi Buone Pratiche da parte di Remind e del suo presidente Paolo Crisafi, vuole evidenziare una serie di protagonisti del mondo economico, della comunicazione, delle Istituzioni, della comunità ecclesiale che hanno testimoniato, in questo difficile periodo, una serie di valori fondamentali per il nostro Paese. Condivisione, altruismo, aiuto ai più deboli, professionalità, preparazione, competenza, serietà, sono infatti tutti elementi che caratterizzano l’azione dei premiati. Remind, con la sua rivista ufficiale NewsRemind, presenta questi esempi di buone pratiche come viatico della ripresa e della rinascita del Paese, impegnato ora più che mai a superare l’emergenza sanitaria con una grande campagna vaccinale e ad assicurare il pieno e produttivo utilizzo dei fondi europei. Su questi fronti e con le testimonianze dei nostri premiati, sapremo dare al Paese un esempio concreto, insieme a tutti gli imprenditori, gli operatori e i soggetti partecipi alla filiera immobiliare, di grande impegno, verso la ripresa e l’uscita dalla crisi della pandemia”.

Durante la riunione si è condiviso come Luca Barbareschi sia la Buona Pratica di uno “straniero” che si è ben inserito nel tessuto italiano; è sorta dunque l’idea di proporre ai Ministri dell’Interno e degli Esteri di insignire della cittadinanza onoraria italiana un rappresentante dell’Economia quale l’Economista Jean-Paul Fitoussi e una della Cultura come la Soprano Ekaterina Bakanova, ovvero due stranieri che amano l’Italia come se fosse il proprio Paese e che con la propria attività sono ambasciatori rispettivamente dell’economia e della cultura italiana nel mondo.

I PROMOTORI DEL SIMPOSIO E DEI PREMI

Carlo Corazza, Rappresentante del Parlamento Europeo in Italia: “le buone pratiche a livello europeo sono la strada per rafforzare una comune strategia contro la pandemia e creare una base sinergica di iniziative tra gli stati membri capace di portare ad una graduale ripresa economica. Solo da questa unità di intenti si potrà uscire rafforzati dopo l’emergenza sanitaria che ha colpito profondamente tutti gli stati dell‘unione. Buone pratiche sull’abitare che sono oggetto di approfondimenti tra Parlamento Europeo e Remind Filiera Immobiliare specie per quanto attiene i temi della rigenerazione urbana, della green economy, la messa in sicurezza dei territori e delle città e dei relativi immobili e impianti. Più in generale, la collaborazione tra il Parlamento Europeo – Ufficio Italia e il progetto editoriale NewsRemind è volta a valorizzare le buone pratiche dei settori della Cultura, dell’Informazione, del Management, del Sociale, del Turismo & dell’Economia istituendo i premi buone pratiche che sono stati valutati da una giuria multidisciplinare presieduta da Franco Mencarelli (consigliere della corte dei conti e presidente dell’Osservatorio Internazionale Buone Pratiche) dove partecipa anche Paolo Crisafi, presidente di Remind Filiera Immobiliare nonché tra i principali promotori delle best practices in Italia”. 

Sulla motivazione del premio si è soffermato Paolo Crisafi, Presidente Remind – Comitato Editoriale NewsRemind – Osservatorio per la Cura della Casa Comune: “in uno stato di emergenza come quello che stiamo vivendo sentiamo la grande responsabilità di conferire un riconoscimento a chi mette cuore e mente in quello che fa, essendo esempio anche per gli altri. È in quest’ottica da intendere l’iniziativa del “Premio Internazionale Buone Pratiche” promossa da NewsRemind, in collaborazione con il Parlamento Europeo – Ufficio Italia, tesa a far emergere le iniziative più lodevoli, le esperienze guida al fine di indicare il percorso che ognuno, nella propria area di competenza, può intraprendere per contribuire alla ripartenza economica, sociale e civile del nostro Paese”.

Ha chiuso i lavori Franco Mencarelli, Presidente OIBP – Osservatorio Internazionale delle Buone Pratiche e Consigliere della Corte dei Conti, che ha così dichiarato: “Il tema pone anzitutto la domanda del perché di questa premiazione che ad esse fa riferimento. La risposta a prima vista parrebbe assai semplice ed immediata. Ma subito vediamo che i perché risultano numerosi a seconda dei vari settori cui il premio si indirizza. Il fatto è a mio avviso che le ‘buone pratiche’ rappresentano il momento in cui la società viene ad elaborare dal basso le risposte davanti ai problemi che sempre più numerosi e complessi si presentano a noi. Dunque un momento estremamente delicato che serve ad indirizzarci verso le strade più corrette e che segna per i legislatori e quanti hanno nei vari campi poteri normativi o comunque orientativi punti essenziali di riferimento”.

- Advertisement -

Altre News

Articoli Correlati