Crisi, Fapi: “Usare fondi Ue per abbassare tasse a Pmi”

588

AgenPress. “Dopo l’estate organizziamo assemblee in tutte le province italiane per confrontarci direttamente con il mondo produttivo che è in grande difficoltà. Il nostro cammino per l’Italia è necessario per raccogliere proposte da portare all’attenzione del Governo, perché ci attende un autunno caldo con la crisi economica che avrà i suoi effetti nefasti sulle imprese. Non si può immaginare di costruire una strategia di rilancio economico per il Paese senza un confronto con i veri protagonisti del tessuto produttivo italiano”.

Così, il presidente nazionale della Fapi (Federazione autonoma piccole imprese), Gino Sciotto, a margine di un confronto con i dirigenti nazionali della propria organizzazione.

“Al sud il tessuto economico e sociale essendo più fragile, ha risentito maggiormente del lockdown, – ha aggiunto il leader della Fapi – per questo è necessario un lavoro sinergico tra istituzioni e operatori economici. Servono investimenti, sfruttando tutte le opportunità offerte dai fondi europei, provando anche ad abbassare le tasse alle piccole e medie imprese, che sono le uniche a poter fermare il fenomeno della disoccupazione”, ha concluso Sciotto.