Open Arms. Salvini, sapevo come sarebbe finita. Voto politico del Pd e M5S

301

AgenPress –  “Sapevo come sarebbe andata a finire perché era un voto politico quello del Pd e dei 5 Stelle”. Così il leader della Lega ed ex ministro dell’Interno Matteo Salvini ha commentato il sì del Senato al processo nei suoi confronti per il caso Open Arms.

“Se avessi voluto una vita tranquilla avrei fatto un altro mestiere. Ho fatto il Ministro dell’Interno promettendo agli italiani che avrei fatto di tutto per combattere droga, mafia e immigrazione clandestina, in un anno i numeri dicono cosa sono riuscita a fare: mese di luglio dell’anno scorso mille sbarchi, mese di luglio di quest’anno siamo a quota 6 mila. Questo comporta un processo? Chi se ne frega, andrò a processo. In quell’Aula dirò ‘signor giudice, ho difeso l’Italia e gli italiani”.

“Era stato tutto concordato e condiviso. Tutto quello che ho fatto – ha detto Salvini – è negli atti e condiviso con l’intero Governo. Lo ha detto ieri in una trasmissione televisiva anche l’ex ministro Tria, che certo non è della Lega. E’ stata una scelta di tutti, lo sapevamo tutti, eravamo d’accordo tutti, e ne processano uno… Ma per le mie idee e per il mio Paese sono disposto ad andare dritto fino in fondo. Per me sarà un bel venerdì, perché la famiglia viene prima di tutto. Sarà un venerdì brutto dal punto di vista del rispetto della legge, perché è un processo politico”.

Sul blocco della nave Open Arms “c’era il totale accordo con il Presidente del Consiglio”., ha aggiunto ricordando che “il divieto ingresso nelle acque italiane di questa nave spagnola era a firma mia, del ministro dei Trasporti Toninelli e del ministro della difesa Trenta”.