Caso Salis, Renzi: “Questa sinistra ha un problema con la parola legalità e anche con il concetto di proprietà”

- Advertisement -
- Advertisement -

AgenPress. Come primo atto del proprio incarico da parlamentare europea, Ilaria Salis rivendica l’occupazione delle case. E oggi insiste aggiungendo del vittimismo: “è logorante occupare le case”. Poverina. Immaginiamoci le famiglie che sono in lista d’attesa per un alloggio popolare e non possono ottenerlo perché è occupato dalla Salis e dai suoi amici. Queste famiglie rispettano le regole nonostante le difficoltà e si vedono passare avanti quelli che non rispettano la legge.

Per me è inaccettabile. La sinistra – o forse più correttamente possiamo dire: questa sinistra – ha un gigantesco problema con la parola legalità e anche con il concetto di proprietà. Peraltro, posizioni come quelle della Salis non soltanto sono ingiuste ma costituiscono un regalo alla Meloni e alla sua coalizione.

La quale Meloni ha comunque i suoi problemi. Il Ministro della Cultura, ad esempio. Ieri Sangiuliano ha spiegato che nel 1492 Cristoforo Colombo seguiva le teorie di Galileo Galilei. Che però è nato nel 1564. Sangiuliano è una gaffe che cammina. Ha votato come membro di una giuria letteraria dicendo candidamente che non aveva neanche aperto i libri. Ha detto che la celebre piazza di New York, Times Square, in realtà si trova a Londra. Ha dato a Colombo una capacità di preveggenza visionaria. Ho finalmente capito perché appena insediato Sangiuliano ha azzerato il fondo per il Bonus18enni, la 18App: perché spendere soldi per un libro, per uno spettacolo a teatro o per un museo, quando si può diventare ministri dicendo un sacco di idiozie? Azzerare la 18App è stato per Sangiuliano un messaggio pedagogico ai giovani. Come dire: non spendete soldi nella cultura, ragazzi, in alcuni casi si può diventare ministri anche con l’ignoranza.

E’ quanto dichiara Matteo Renzi nella sua e-news.

- Advertisement -

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -

Ultime Notizie

- Advertisement -