Whirlpool. Carfagna (FI). Simbolo fallimento delle scelte di PD e M5S per il Sud

749

Agenpress – “Tra Piani per il Sud, reddito di cittadinanza e bonus, sono ormai anni che si crede di poter rivitalizzare l’economia del Sud con le mance e le briciole. E la manovra che il governo a traino giallo-rosso sta preparando prosegue nella stessa direzione. La conclusione verso la quale sembra avviarsi inesorabilmente la vicenda Whirlpool dimostra che queste soluzioni omeopatiche non hanno alcun effetto: serve una terapia d’urto, come la nostra proposta di No-Tax area per il Sud e un piano di investimenti straordinario, da finanziare con le risorse oggi sprecate con il finto reddito di cittadinanza”.

Lo afferma in una nota Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia.

“L’ennesimo vertice fallito stamane al Mise sullo stabilimento Whirlpool di Napoli racconta purtroppo due cose: primo, l’azione dell’accoppiata Conte-Di Maio nel precedente governo non godeva di alcuna credibilità, tanto da promuovere accordi che l’azienda si sente oggi in diritto di non rispettare, peraltro senza che l’esecutivo stesso per mesi monitorasse la situazione; secondo, la totale incapacità del governo Conte-bis di offrire agli investitori condizioni adeguate per un rilancio della loro presenza nel Mezzogiorno d’Italia, a cominciare proprio dalla manovra finanziaria che si accinge ad approvare”.

“La responsabilità di tutto ciò è tanto del M5S, che ha pensato di risolvere il tema Sud con il reddito di cittadinanza, quanto del Pd, che governa quasi ininterrottamente dal 2013 senza mai aver messo in campo una politica economica e industriale capace di contrastare la desertificazione del Mezzogiorno. I due alleati della maggioranza giallo-rossa procedono a braccetto di fallimento in fallimento e a pagare sono i lavoratori e i cittadini, soprattutto quelli meridionali”, conclude Carfagna.