Giornata del Cane-Toscana, Stella (FI): “Istituiremo il garante regionale per i diritti degli animali”

257

AgenPress. “Nella prossima legislatura, mi batterò per istituire il Garante regionale per i diritti degli animali. Viviamo in un periodo storico in cui le violenze sugli animali proseguono e la cronaca giornaliera ci racconta storie di crudeli sofferenze e atti atroci. Credo che sia arrivato il momento di istituire questa figura a livello regionale, per favorire e promuovere i diritti degli animali. Vorrei incontrare a breve le associazioni animaliste fiorentine e toscane per raccogliere suggerimenti in materia”.

Lo annuncia il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia), in occasione della Giornata Internazionale del Cane.

“Il Garante – spiega Stella – dovrà ricevere le segnalazioni da chiunque venga a conoscenza di atti o comportamenti lesivi dei diritti degli animali, nonché da associazioni, enti ed istituzioni che operano nel campo della tutela dei diritti degli animali; avrà il compito di denunciare all’autorità competente fatti ed atti lesivi dei diritti degli animali di cui venga comunque a conoscenza, e segnalare alla Giunta e al Consiglio Regionale l’opportunità di assumere provvedimenti normativi sulla base di valutazione circa le reali condizioni degli animali, anche sulla base di innovazioni legislative statali o dell’Unione Europea che richiedano un adeguamento legislativo. Tra i compiti che vorremmo attribuire a questa figura, il sostegno a campagne di sensibilizzazione volte a educare i cittadini a un corretto rapporto con gli animali e campagne volte a contrastare il diffuso fenomeno dell’abbandono sensibilizzando all’adozione e il censimento e la mappatura di tutti i canili e gattili presenti sul territorio”.

“Il Garante potrà promuovere la sottoscrizione di accordi di collaborazione con le forze dell’ordine, con il comando unità carabinieri per la tutela forestale ambientale e agroalimentare, con il Servizio veterinario competente territorialmente, con le aziende sanitarie, con la facoltà universitaria di veterinaria e con gli istituti e associazioni attive nel campo della protezione animali – illustra Stella -. Dovrà essere una figura di riferimento per tutti quanti, in Toscana, operano nell’ambito della tutela e della salvaguardia degli animali”.