Recovery Fund. Zanni (Lega), altro che pioggia di miliardi, da Bruxelles in arrivo nuove tasse

602

AgenPress – “Oggi il Parlamento europeo ha votato gli emendamenti alla relazione che prevede il rifinanziamento parziale del bilancio dell’Ue connesso al Recovery Fund. La propensione alla mistificazione dei burocrati di Bruxelles non si smentisce neanche questa volta: quelle che i rappresentanti dei governi chiamano ‘risorse proprie dell’Ue’, sono in realtà nuove tasse europee che graveranno sulle tasche e sui redditi di cittadini e imprese, come da tempo denunciato solo dalla Lega. Non stupisce che tra i consulenti della Commissione incaricata di studiare i nuovi ambiti da tassare, ci sia stato negli ultimi anni con un ruolo di spicco proprio il professor Monti, già noto agli italiani per le sue manovre lacrime e sangue. A fronte di una pandemia che ha messo in ginocchio milioni di persone, Bruxelles non solo prende in giro i cittadini, ma continua a vessare Paesi come l’Italia, dal 2000 a oggi contributore netto al bilancio dell’Ue per oltre 100 miliardi di euro. Sarebbe questa la potenza di fuoco promessa da Conte?”.

Così in una nota Marco Zanni, europarlamentare della Lega, presidente del gruppo Identità e Democrazia al Parlamento Europeo.