Calabria. Forte scossa di terremoto 4.4 nel Cosentino. Epicentro in mare

471

Agenpress -Una forte scossa di terremoto ha svegliato tutta la provincia di Cosenza. L’evento sismico, infatti, è stato avvertito distintamente dalla popolazione ed è stato registrato dai sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia questa mattina alle 6.31 a soli 11 chilometri di profondità. 

La scossa ha avuto una magnitudo di 4.4 con epicentro in mare nel Tirreno cosentino tra Diamante e Scalea a soli 11 km di profondità. Il terremoto è stato avvertito in particolare modo in quasi tutta la costa tirrenica non solo della provincia di Cosenza, fino in Basilicata. Diverse le telefonate arrivate ai vigili del fuoco e molte persone dalla paura si sono riversata in strada. Alle 6.38 si è verificata una seconda scossa di assestamento più lieve di magnitudo 2.5 sempre a 11 km di profondità.

Secondo i primi accertamenti, non ci sono stati danni né a Scalea, né nei centri del circondario, ma la scossa è stata chiaramente avvertita dalla popolazione che si è riversata in strada.

“A seguito dell’evento sismico registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in provincia di Cosenza la Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della protezione civile. Dalle verifiche effettuate, l’evento – con epicentro localizzato nel mar Tirreno – risulta avvertito dalla popolazione, ma non sono stati segnalati danni a persone o cose”. Lo rende noto un comunicato della Protezione civile.

La scossa ha avuto una magnitudo di 4.4 con epicentro in mare nel Tirreno cosentino tra Diamante e Scalea a soli 11 km di profondità. Il terremoto è stato avvertito in particolare modo in quasi tutta la costa tirrenica non solo della provincia di Cosenza, fino in Basilicata. Diverse le telefonate arrivate ai vigili del fuoco e molte persone dalla paura si sono riversata in strada.

Alle 6.38 si è verificata una seconda scossa di assestamento più lieve di magnitudo 2.5 sempre a 11 km di profondità.