Coronavirus. Confindustria. Dal governo ritardi ed errori su sanità, trasporto pubblico, scuola

361
o ha detto il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, nel corso dell'assemblea di Anima a Milano

AgenPress -“Serve un’operazione verità: è necessario raccontare agli italiani cosa serve. E servono decisioni rapide e condivise. Io questo non lo vedo”. Così il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, sull’emergenza Covid. “Dobbiamo ragionare come una comunità”, ha detto Bonomi “o non riusciremo ad uscire da una crisi così forte”. “L’impressione è che si pensi più al dividendo elettorale che al futuro del Paese”.

”Capisco la difficoltà di tutti gli italiani. Le proteste e questa frattura della coesione sociale arrivano dal fatto che gli italiani ritengono di aver fatto un grosso sacrificio e dando una dimostrazione di grande senso civico, rovinato da errori e ritardi di governo e regioni. Quindi le persone sono sconfortate, impaurite, sconcertate”.

”Nessun governo occidentale era pronto ad affrontare una pandemia di questo tipo – concede il presidente di Confindustria. – Quindi tutti si sono trovati di fronte a qualcosa che non avevano mai affrontato. Il nostro governo altrettanto. Ma – obietta Bonomi – oggi sapevamo che sarebbe arrivata una seconda ondata. Il governo si è mosso in ritardo e commettendo degli errori su sanità, trasporto pubblico, scuola. Sono ritardi evidenti, non possiamo nasconderlo”.

Ma “non si può andare avanti con contrapposizioni “ha aggiunto riferendosi anche alla posizione dei sindacati dopo l’incontro di ieri con il Governo. Dicono, “o si fa questo o scendiamo in piazza. Non è un atteggiamento comprensibile oggi in questo Paese”, dice il leader degli industriali: giusto rivendicare le proprie posizioni “anche aspramente, anche duramente, ma senza minacciare di scender in piazza. Non ci rendiamo conto di quello che è successo nei giorni scorsi”, con “piazze gestite da frange oltranziste”. ‘C’è chi “minaccia scioperi o di andare in piazza”, dice Bonomi intervenendo all’Assemblea di Confndustria Romagna, e sottolinea: “Il Governo accetterà un ricatto di questo tipo?”.